• Pronto riscatto europeo e prima vittoria esterna dell’Umana Reyer in Basketball Champions League: Rosa Radom battuto 71-81
  • Domenica 10/12 ore 18.00: Meccanica Nova Vigarano – Umana Reyer

    07 dicembre 2017

    La vittoria al cardiopalma ottenuta sulle Campionesse d’Italia della Gesam Gas & Luce Lucca, ha confermato che questa Reyer, a dispetto dell’infermeria sovraffollata, sa gettare il cuore oltre l’ostacolo lottando sino al buzzer finale e capovolgendo, seppure al termine di un overtime, l’esito di una partita che, sino a pochi minuti dal termine, sembrava irrimediabilmente compromesso.

    Conquistate così le Final Four di Coppa Italia e in attesa di conoscere le prossime avversarie in Eurocup, le orogranata sono attese dal match, che le vedrà opposte, lontano dalle mura amiche, alla Meccanica Nova Vigarano.

    Match delicatissimo quello di domenica, contro una formazione che, nonostante un roster rinnovatissimo, ha iniziato al meglio la stagione in corso sposando in toto il “credo” predicato da coach Luca Andreoli e basato su grinta e determinazione.

    Proprio l’Umana Reyer, è stata testimone nel corso dell’Opening Day dell’intensità emiliana che si è tradotta in un lungo inseguimento da parte delle lagunari dopo una prima metà gara ad handicap e risoltasi solo negli ultimi 10’ grazie alla precisione nei momenti cruciali dalla “linea della carità”.

    A seguire, per la Meccanica Nova sono arrivate due vittorie contro Torino e Broni mentre nel “tris” di incontri contro Lucca, Ragusa e Schio i punti in classifica di una Vigarano “bella” per tre quarti e beffata nei minuti finali, sono rimasti congelati.

    Prima l’infortunio occorso ad Emilia Bove, poi il conto “salatissimo” pagato nella vittoria contro Battipaglia e che ha estromesso dai giochi Anne Marie Armstrong, sino a quel momento autentica protagonista anche in fase realizzativa, hanno infine reso ancor più complesso il cammino delle ferraresi privandole di una pedina fondamentale.

    A ranghi così drasticamente ridotti, la sconfitta sull’ostico parquet di San Martino di Lupari è sembrata inevitabile, anche se per metà gara le emiliane hanno lottato alla pari contro le forti avversarie andando in doppia cifra con Reggiani, Bagnara, Zempare e Samuelson.

    Inutile sottolineare che Vigarano, di fronte al proprio pubblico, lotterà come una belva ferita desiderosa di rivincita contro la sorte avversa. Per questo, le orogranata non potranno concedersi cali di tensione, confermando di aver ritrovato definitivamente la consapevolezza delle proprie potenzialità.

    (s.v.)

    Scrivi un commento

    Per poter inviare un commento devi essere registrato.
    Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login