• Ancora un supplementare europeo per l’Umana Reyer, che stavolta deve inchinarsi all’Aek Atene in Basketball Champions League: al Taliercio finisce 101-103
  • Domenica 15 ottobre alle ore 18,00: Umana Reyer Venezia – Famila Wuber Schio

    12 ottobre 2017

    Non poteva essere più avvincente l’esordio in Campionato delle orogranata di fronte al pubblico amico che le vedrà affrontare le vice campionesse d’Italia del Famila Wuber Schio nel match che designerà la prima posizione in classifica, dato che entrambe le formazioni viaggiano al momento imbattute e appaiate a quota quattro punti.
    Dopo aver entusiasmato i propri tifosi con la vittoria esterna sul rovente parquet napoletano ed essersi aggiudicata con ampio margine la prima sfida in Eurcup contro Friburgo, l’Umana Reyer disputa quindi il suo ennesimo derby contro la “corazzata” scledense, guidata dal nuovo “nocchiero” Pierre Vincent, una lunga carriera nel basket transalpino che, dopo i successi ottenuti nelle otto stagioni trascorse al Bourges (4 scudetti e 5 Coppe di Francia), ha arricchito la propria bacheca personale capitanando la Nazionale Femminile Francese dal 2008 al 2013, conquistando, l’argento olimpico a Londra 2012 e aggiudicandosi, in varie edizioni degli Europei, un oro, un argento e un bronzo.
    Il coach d’oltralpe, appena atterrato, ha regalato a “patron” Cestaro la nona Supercoppa della storia scledense, prendendosi una parziale rivincita sulle lucchesi detentrici dello scudetto. Va evidenziato, peraltro, come il coach d’oltralpe possa contare su un roster super collaudato che ha visto confermate ben nove giocatrici mentre una, la slovena Eva Lisec, è tornata a vestire la casacca orange a distanza di un anno dopo aver disputato, con ottimi risultati, una stagione in Ungheria.
    L’unica novità di rilievo è quindi rappresentata dal cambio in cabina di regia tra la trevigiana Giorgia Sottana, 5 anni di militanza al Famila “conditi” da innumerevoli successi, che ha cercato nuovi stimoli sportivi e personali a Montpellier – e Francesca Dotto, rientrata in terra veneta dopo essere stata tra le protagoniste dell’indimenticabile stagione di Lucca.
    Davvero superfluo elencare le caratteristiche delle altre giocatrici dato che campionesse del calibro di Yacoubou, Gatti, Miyem Nwal, Tagliamento, Anderson, Masciadri, Ress e Macchi non hanno certamente bisogno di presentazioni. Una citazione particolare è altresì dovuta a Cecilia Zandalasini che, dopo le ottime performances nel torneo continentale, grazie alle quali è stata inserita nel quintetto ideale degli Europei, è stata la seconda italiana dopo Cata Pollini ad infilare al dito l’anello di Campionessa WNBA conquistato con le Minnesota Linx.
    Dopo un esordio sofferto nell’Opening Day contro Battipaglia, Schio si è imposta abbastanza agevolmente sulle Lupe di coach Abignente ingranando, dopo un inizio in sordina, “marce” via via sempre più alte e sfruttando al meglio l’ottima prestazione della “solita” Jolene Anderson capace di un cospicuo 29 di valutazione complessiva.
    Sul fronte lagunare aleggiano ancora molte nuvole dovute alle condizioni fisiche delle atlete infortunate e, al momento, manca ancora la certezza di poter schierare Riquona Williams. Il grande carattere e l’umiltà dimostrata dalle ragazze di Andrea Liberalotto nelle prime uscite e che meritano una cornice adeguata a questo big match, fanno comunque ben sperare in una nuova grande prova che confermi, gara dopo gara, i progressi del “Gruppo”.
    (s.v.)

    Scrivi un commento

    Per poter inviare un commento devi essere registrato.
    Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login