7Days Eurocup 2021/22: le 20 partecipanti

19 Giugno 2021

Per il settimo anno consecutivo l’Umana Reyer disputerà una competizione europea conquistata ancora una volta sul campo.
Il board di Euroleague Basketball ha reso note le 20 squadre partecipanti all’Eurocup 2021/22 che si rifarà il look con un nuovo format. L’Italia è il secondo Paese più rappresentato con tre Club, Reyer Venezia, Virtus Bologna e Trento, dietro alla Spagna con quattro.

Umana SpaErreàSetten GenesioMaserIl GazzettinoAlleghe sul lagoOrler TvCucina NostranaACTVAntolini Motorsjesolo.itDesparMSCQuid Hotel Venice MestreSixtus ItaliaVilla CondlumerPM-InternationalJVF Jewel Virtual FairPalakissIMPRESA PASQUAL ZEMIROEuroLeague TVIntesa San Paolo Rbm Salute

24 Commenti in questo articolo

  1. Abdul-Jabbar

    Ok per Venezia e Bologna per la “conquista sul campo” (scusate ma mi sfugge che piazzamento bisogna ottenere), ma Trento come ci sarebbe arrivata?!?
    Insisto. Di meritocratico non c’è niente.
    Come in tutte le competizioni organizzate dall’ECA. E fossi stato Brugnaro, visto il trattamento ricevuto in un anno a dir poco problematico, avrei snobbato l’Eurocup per tornare alla Champions.

  2. Dado

    Ottimo essere in Eurocup, ma la formula di quest’anno è PESSIMA!!!

    2 Gironi all’italiana da 10 squadre l’uno.. e poi Ottavi-Quarti-Semifinali-Finale a eliminazione diretta con partita secca.

    Avete presente? Significa che puoi anche vincere 18 partite consecutive di RS, ma se sbagli poi una sola partita agli 8avi sei fuori. la PEGGIORE FORMULA DI SEMPRE. Giusto per capire.. A.S. Monaco che ha vinto questa stagione l’EC, la prima partita ai quarti di finale quest’anno l’ha persa.. con la formula del prossimo anno sarebbe uscita subito ai quarti, altro che vittoria di EC ed Eurolega! E pure noi.. storicamente con le partite secche non è che andiamo a nozze..

    E’ una formula che penalizza le società.. puoi anche vincere sempre in RS, ma poi per sperare l’accesso in EL DEVI vincere 3 partite di fila Ottavi-Quarti-Semifinale, il che è davvero DIFFICILE! Con la formula di quest’anno a Play Off, molto più avvincente, l’unica squadra (delle 8 ammesse) che iniziati i P.O dei quarti di finale è riuscita a vincere le prime 3 partite è stata la Virtus.. ma poi ha perso le 2 successive ed è uscita!

    Questa formula di EC è penalizzante e rischia di non far arrivare in fondo le più forti (tipo finale C.I. Milano-Pesaro)! Dopo che arriviamo da (1) Stagione EC 2019-2020 interrotta, (2) Stagione 2020-2021 giocata ma compromessa dal covid e con trattamento di calendari sconsiderato –> Il regolamento non poteva consentire delle eliminazioni almeno a 2 partite (A/R) o meglio a P.O. come l’EC di quest’anno o generalmente l’Eurolega??

    Spero che il presidente CASARIN si faccia sentire con l’ECA per proporre una formula che non elimini già agli ottavi le società partecipanti come fossero i bersagli del luna-park. Anche noi dopo 2 anni sfortunati vorremmo vedere Play Off!!! Queste partite secche e sbrigative sono penalizzanti e aride.

    Spero CASARIN si faccia sentire davvero e il regolamento cambiato. Diversamente questa è una chiara manifestazione di come l’Eurocup sia veramente la sorella povera, la Cenerentola, dell’ECA.

    https://bolognabasket.org/eurocup-2021-22-20-squadre-le-prime-due-in-eurolega/

  3. fabrizio

    Scusa Dado, ma cosa ti lamenti del nuovo regolamento?
    Quello vale per tutti e tutti si dovranno adeguare: noi non andiamo bene nelle partite secche?
    E’ un problema nostro, che dobbiamo risolvere con più personalità e attributi, punto!
    Rischiano di non arrivare in fondo le migliori? Forse è meglio perchè chissà che con incroci favorevoli di calendario allora non riusciamo a fare più strada, dato che sicuramente non saremo tra i favoriti visto pure il roster che sembra allestiremo!
    Per quanto riguarda invece quello che dice Abdul, la Reyer non poteva scegliere di fare la Champions invece dell’Eurocup anche perchè se l’obiettivo è quello di poter fare l’Eurolega l’anno prossimo, questa possibilità te la da solo l’eventuale finale dell’Eurocup e non quella dell’altra competizione, che al massimo ti permette di metterti in bacheca un altro trofeo europeo come fu per la Fiba Europe Cup.
    Quindi, smettiamola di piangerci il morto addirittura già a Giugno perchè l’anno prossimo vi è da riscattare una stagione comunque deludente, aldilà delle giustificazioni e delle problematiche note che si è dovuti affrontare e speriamo quindi che anche a livello di campagna acquisti ci sia un salto di qualità notevole, anche se questo comporterà investimenti ben maggiori da dover fare da parte della Proprietà.

  4. ve66art

    Icio ti xe sempre el #1!
    Senza peli sulla lingua!
    Concordo su tutto.
    Bravo

  5. LAE 9

    D’accordo con Fabrizio sulla scelta dell’ Eurocup piuttosto che la Champion per i motivi che ha elencato.
    Per favore mi daresti qualche notizia certa sul roster che stiamo allestendo e che pare non sia per te soddisfacente ?
    Sulla questione che non saremo i favoriti, io osservo che non lo siamo mai a prescindere, anche se poi i risultati sovvertono ogni previsione.
    Prima dei play off 2019 assieme agli amici del mio settore abbiamo fatto colletta per giocarci il pronostico sul vincitore dello scudetto. Il giorno che lo abbiamo fatto la Reyer veniva data a 20. Con la ragguardevole vincita a fine torneo ci siamo pagati una cena alla faccia degli espertoni e menagrami seriali.

  6. Ary

    Grande Fabrizio !!! Hai ragione sulla Champions ma non sono d’accordo sul discorso della stagione deludente. Direi sfortunata e cmq arrivo alle semifinali. Dai darei un 6+. Per quanto riguarda il roster è ancora tutto sconosciuto, vedremo dai . Certo che un Abass libero sarebbe da farci più di un pensiero !!! Miglioratissimo e possiamo offrire una Eurocup. Brescia (che ha già della Valle) probabilmente no…. Italiani servono !!!!!!

  7. Dado

    Ciao Fabrizio, certamente l’ECA non deve basare il nuovo regolamento sulle nostre ‘caratteristiche’, tuttavia io non è che mi ‘lamenti’.. trovo la formula proposta per il prossimo anno totalmente inadeguata e irrispettosa verso sia i tifosi che (e soprattutto) le società che investiranno tempo, soldi, strutture per provare a fare bene. E questo lo dico sulla base di 3 sostanziali motivi:

    1) In occasione delle semifinali Virtus-Kazan, Bertomeu è stato intervistato dalla stampa a Bologna, lo puoi sentire qui.. https://www.youtube.com/watch?v=vHPE_ihZcFU . A prescindere che sia ora allontanato, i messaggi dell’ECA sono chiari: (a) EL e EC in futuro convergeranno sempre di più.. (b) Vogliono società solide che possano permanere a questi livelli per anni (c) Alla domanda (minuto 9) di un giornalista sul fatto che in EL si giocano ‘troppe’ partite, la risposta è stata, perchè (1) questo è quello che vogliono vedere i tifosi, (2) Questo (le molte partite) è quello che consente alle società di incassare le entrate per coprire le spese e ingaggi.. e che casomai se ci sarà un ‘cambio’ ci sarà in direzione di aumentare ulteriormente il numero di partite.

    Ora.. unisci i puntini.. i desideri dei tifosi di squadre di EC e le necessità/comodità di società di EC (alcune delle quali in EL l’anno prima.. o quello successivo) pensi siano diverse? TUTTI i tifosi vogliono un sacco di partite, TUTTI i tifosi sognano le proprie squdre ai P.Off, che si tratti della Reyer, della Scaligera Basket per il possibile ingresso in A1 o dell’Alessandria Calcio per passare dalla ‘C’ alla ‘B’. TUTTI sognano l’emozione dei P.Off.. e questi vengono fatti, con serie, a tutti i livelli.. e pure nell’EC di quest’anno!

    Ora eliminarli il prossimo anno non ha assolutamente senso, SOFFOCA lo spettacolo, NON RIPAGA pe società partecipanti ed è anche in contraddizione con la Politica dell’ECA per l’EL, con la quale l’EC viene proposta come sorella strettissima, ed essa stessa come EL del vicino Futuro. (detto dallo stesso Bertomeau pochi minuti prima nel video).

  8. Dado

    2) Vincere diverse partite di fila nelle fasi conclusive di un campionato è difficilissimo per tutti, e chi ci riesce non necessariamente è il più meritevole e/o il più forte. I vincitori di EL ed EC di quest’anno (EFES e Monaco) appena approdati ai P.Off hanno vinto le prime 2 ma hanno perso la terza.. secondo il regolamento del prossimo anno sarebbero uscite, seppure veramente forti. E le altre due finaliste pure peggio.. il Barca ha perso subito la prima con lo Zenit.. e il Kazan ha perso la seconda partita ai quarti di finale col Krasnodar.. Con eliminazioni a scontri diretti, rischi ‘colpacci’ e di non avere nelle fasi conclusive squadre veramente forti e spettacolari, rischi magari di avere squadre che hanno in una o 2 partite trovato un particolare stato di grazia, magari al tiro..

  9. Dado

    3) Una formula da torneo del week end è inadeguata anche per l’assegnazione delle Wild Card per l’Eurolega.

    Prendi l’Esempio della coppa Italia 2019. Finale: Cremona-Brindisi..

    A questo punto cosa fai.. dai le wild card a Cremona e Brindisi per l’EL? Che non avrebbero ne Budget, ne roster, ne pianificazione, ne strutture per giocare l’EL.. e lasci fuori Olimpia, Virtus, Reyer, Sassari?

    Rapportato a chi gioca il prossimo anno l’EC.. potresti trovarti una Trento super motivata.. che magari dopo una RS medio buona, in uno stato di incredibile forma e motivazione, e con tutte le grazie dei santi, riesce a piazzarti pure tre vittorie di fila e arriva in Finale (tra l’altro si sono già visti questi casi..).

    Poi che fai? Fai giocare a Trento l’EL l’anno successivo, pur senza il budget, roster e strutture adeguate? e lasci fuori squadre come Virtus, PArtizan Badalona, etc.. che avrebbero tutto per fare l’EL?

    Oppure cosa fai.. alla fine non dai a Trento la licenza.. ti scusi.. ma la dai ad una società più strutturata e che se lo può ‘permettere’?

    Veramente.. non puoi dare l’accesso di EL con eliminazione diretta a partire dagli ottavi di finale, rischi di avere in EL squadre che non hanno senso.. Ok invece eliminazione diretta con F4.. perchè mal che vada, passa una delle 4 probabilmente più strutturate.. ed in fatti quest’anno ha funzionato.

  10. Dado

    Spero veramente che Casarin, Ma anche Zanetti-Baraldi con lui, si facciano sentire..

  11. norm nixon

    dado…aspetto il 4. punto perche’ la sintesi e’ il tuo forte e non voglio perdermi per nulla al mondo anche il tuo quinto..sesto…settimo punto.

  12. Ary

    Ahahah… Te la sei cercata dado… Cmq non mi piace neanche a me questa formula . Le coppe devono finire a maggio . Però a livello coppa è uguale per tutte le squadre. Casomai le ricadute le hai in campionato. Urgono 3 cambi da ruotare

  13. Dado

    Norm.. il quarto punto è una riflessione su come la coppa sarebbe potuta essere, nella sua più immaginabile ovvietà:

    4) Due gironi (A/R) da 10 squadre l’uno, con 18 partite di RS. Si qualificano le prime 4 squadre per ogni girone (8 in tutto) e fanno i P.Off con formato EL, ovvero: con Quarti e Semifinali al meglio delle 3 partite e F4 con eliminazione diretta.

    Una squadra che arriva in finale si troverebbe ad affrontare una EC con un minimo di 24 partite e un massimo di 26. Contro le 22 della formula ad eliminazione diretta a partire dagli ottavi. Praticamente solo 2-4 partite in più.. improponibile/ingestibile?

    Se invece si preferisse coinvolgere 16 squadre.. si può aggiungere anche la serie degli ottavi al meglio delle 3, quindi per una stagione con minimo di 26 e max 29 partite.. e arrivare ad aprile/maggio. anche qui.. solo 4-7 partite in più. Improponibile/Ingestibile?

    E visto che non credo che l’ECA non ci sia arrivata.. i punti 5 e 6 riguardano i 2 dilemmi che rimarranno probabilmente insoluti e e relativi alla sbrigativa formula ad eliminazione diretta:

    5) Perche?

    6) Per Chi?

    per finire al punto 7.. che è poi una forse rassegnata, ma ovvia conclusione..

    7) Comunque vada, FORZA REYER!!!!!!!!!!

    [p.s. spero tu abbia apprezzato lo sforzo messo specialmente per la sintesi dei punti 5-7 😉 ]

  14. ve66art

    Ferruccio, perchè ci hai abbandonato…

  15. norm nixon

    ve66art…perche’ era un veggente.

  16. Abdul-Jabbar

    Ciao. Rispondo a Fabrizio sul tema contestato della scelta di Eac anziché CL. È semplice: la Reyer l’E.L. andrebbe a giocarla chissà dove dato che non possiede e non possiederà per un bel pezzo uno dei requisiti fondamentali per parteciparvi, il palasport con capienza adeguata. Quindi non ha senso disputare una competizione per questo motivo.
    E soprattutto non lo ha dopo essee stati trattati a pesci in faccia!!! Io non ho scordato. Non so voi. E non so Brugnaro.
    Quella poi da parte dell’ECA di boicottare i campionati nazionali pretendendo esistano solamente le LORO competizioni è inaccettabile.
    Perché così è. Chi partecipa si fa 2 campionati veri e propri. Assurdo!
    Le Coppe devono rimanere una cosa in più.
    Non prendere il posto dei campionati nazionali. Liberi di pensarla diversamente.

  17. Abdul-Jabbar

    Perché, riflettevo, così prima o poi si arriverà al punto da “costringere” una squadra a scegliere a cosa partecipare.
    Come è accaduto nel Rugby da parte della Benetton Treviso che ha abbandonato il Campionato Italiano per andar a giocare la SuperLega Anglosassone.
    Vogliamo che accada pure nel Basket?!?

  18. ve66art

    Si…magari! Non sarebbe una cattiva idea…
    Due campionati europei di diverso livello EL e EC con relative promozioni e retrocessioni. Ora come ora il campionato italiano vale zero, e cmq, è inevitabilmente vinto da una squadra che partecipa all’EC o all’EL! Bologna, Milano, Venezia….quindi lasciamo i campanili in piazza e “europicizziamoci”!!!

  19. Abdul-Jabbar

    Consentimi una domanda allora: togliendo queste 3 squadre che hai nominato, il livello si alzerebbe o scebderebbe?

  20. Dado

    Paolo.. anch’io spererei in un miglioramento del campionato nazionale, ma all’oggi.. potendomi sedere al Taliercio, vedere Reyer-Cantù o Reyer-Varese non mi darebbe di più che vedere Reyer-Bursa o Reyer-Budućnost, anzi.. le squadre straniere arrivano più agguerrite e spesso rendono il gioco più frizzante e spettacolare (e su entrambe le metà di gioco).

    Parli di ‘non scordare’ i trattamenti.. io non ho scordato la BCL 2018-19.. dove arrivammo alla fine della fase a gironi in seconda posizione, con un record vinte-perse di 10-4, appena dietro a Tenerife (12-2) e con partite notevoli.. dalla vittoria a Tenerife a quella del doppio Overtime al Taliercio contro Holon (con 30pt di Daye) etc..
    Stagione poi interrotta bruscamente ad inizio marzo agli 8avi per solo una partita storta in quel di Nihzi Novgorod e con molta amarezza, perché contro una squadra obiettivamente inferiore, ma che in casa si era ringalluzzita un pò.. e che poi però è uscita subito dopo. E tutto per una singola partita storta agli 8avi.. che può capitare a tutti.

    Per quello che dico.. fare una EC con una RS da 18 partite.. in gironi dove passano 8 su 10.. praticamente tutti, rischi partite ‘molli’, con squadre che possono galleggiare per vari turni nella mediocrità e provare solo la spallata/colpo di scena finale, tanto tutto si decide alla fine in 2 partite (alla partita 19 e 20).. dove da 16 squadre passi a 4,.. tipo F4.

  21. norm nixon

    ve66art….appoggio l’idea. Campionato italiano scarso e privo di reale interesse. Se penso che fino a 3 o 4 anni fa la massima espressione del centro italiano era Cervi…(ora nemmeno quello)..significa che siamo alla frutta da anni e anni.

  22. Rast_rast

    Il rovescio della medaglia di un campionato “europeo” è che riducendosi il numero di squadre partecipanti per singola nazione rischia di decrescere l’attrazione del basket verso il “movimento” di base. Ovvero un ragazzino di Cremona sogna, si allena e lotta per giocare nel massimo campionato nella squadra della sua città ma dubito sarebbe altrettanto stimolato se il suo riferimento dovesse essere Venezia, Milano, Bologna o Sassari. Certo che l’ipotesi di un campionato sovranazionale che coinvolgesse i base comunitari ha un grande fascino. Forse ci vorranno ancora una o due generazioni.

    Duri i banchi.

  23. mau60

    Povero movimento e sopratutto poverissima nazionale…..zero fisicità e scarsa qualità nei nostri giovani…. e sopratutto di allenatori giovanili poveri poveri. Sempre stati scarsetti fisicamente perché a mamma natura non si comanda

  24. alessandro

    Qualche rumors sugli abbonamenti ormai siamo diventati un greggio vaccinato KE sia alfa delta o quello che è siamo al sicuro dunque tutti a palazzo a tifare anche per anno e mezzo passato

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •