Basket Chiusi entra nel Progetto Reyer: 30 società aderenti!

05 luglio 2018

Il Progetto Reyer tocca quota 30! La società Umana Reyer annuncia infatti con piacere il raggiungimento dell’accordo sportivo con l’MBK Motoriamente Basket Chiusi, società toscana che entra così a far parte del progetto di promozione sportiva e sociale promosso dal club orogranata.

La Polisportiva Motoriamente nasce nel 1995, raccogliendo dal 2001 in campo cestistico, dopo un paio di esperienze a livello amatoriale e di minibasket, l’eredità dell’A.C. Faro e costituendo l’unica realtà di pallacanestro per la Valdichiana e il basso senese. Negli anni, l’associazione Motoriamente Basket, cellula a se stante della precedente polisportiva, ha raggiunto anche una Final Four regionale di un Campionato Open, ospitando vari concentramenti interzone, spareggi e finali regionali dei Comitati regionali toscano ed umbro.

La Motoriamente Basket lavora in un territorio molto ampio, che va da Cortona ad Orvieto, dal Monte Amiata al lago Trasimeno, puntando a unire le varie realtà cestistiche della Valdichiana in un’unica realtà e a riprendere quota anche nel settore femminile. Nel corso della stagione sportiva 2017/18, con un centinaio di iscritti tra settore minibasket, l’MBK ha partecipato ai campionati di Prima Divisione e Under 18 della Toscana, disputando amichevoli a livello di Under 14 e prendendo parte ai campionati provinciali senesi con gli Aquilotti, oltre che ai concentramenti provinciali con Scoiattoli e Pulcini.

“Cercavamo qualche idea – spiega il Presidente, Marco Cortellessa – per sviluppare la nostra attività, specialmente nelle scuole: abbiamo scoperto in rete la Reyer School Cup e il Progetto Reyer, ci sono subito interessati e, dopo i primi contatti ed alcuni colloqui e incontri con il responsabile giovanile orogranata Francesco Benedetti, abbiamo formalizzato la nostra partecipazione al Progetto Reyer. Sicuramente questo vuol dire entrare a far parte di una grande famiglia, presente in più regioni italiane, che ha sempre mostrato attenzione per il settore giovanile. Ringrazio quindi l’Umana Reyer per l’opportunità di crescita che ci ha concesso: possiamo solamente migliorare, grazie a questo accordo, sfruttando le occasioni per imparare e mettere in pratica qui da noi. Partecipare al Progetto ci permetterà sicuramente una maggiore visibilità nel territorio, potendo cercare di creare un movimento cestistico ancora più ampio, continuando con il nostro percorso di pallacanestro a 360° e facendo crescere sia giocatori che anche allenatori, dirigenti ed arbitri”.

“E’ con grande soddisfazione – commenta il Presidente dell’Umana Reyer, Federico Casarin – che accogliamo Chiusi all’interno del mondo Reyer. Aver raggiunto la trentesima società conferma la continua crescita del progetto, ci fa piacere e gratifica il fatto che sempre più realtà ci diano fiducia. Ringraziamo quindi il Motoriamente Basket Chiusi, nella figura del suo Presidente, per aver accettato la nostra proposta: sarà una collaborazione importante, a tutto tondo. Come ha dimostrato anche l’accordo recentemente concluso con il Collegno Basket, il Progetto Reyer vuole andare oltre la Città metropolitana di Venezia, per raggiungere altre realtà nazionali e continuare a crescere”.

“Aver raggiunto quota trenta società aderenti al Progetto – conferma il responsabile del settore giovanile orogranata, Francesco Benedetti – è dimostrazione tangibile del lavoro che, cercando di seminare nel miglior modo possibile, si sta facendo in questi anni, portato avanti nel segno della continuità. Lo testimoniano anche le tante finali nazionali raggiunte e i numerosi giocatori che ogni anno escono dal nostro settore giovanile per andare a giocare nelle prime squadre di tutt’Italia. Significa che c’è fiducia nella nostra società e nel nostro progetto. Siamo partiti dal territorio più vicino, che ci conosceva meglio, e abbiamo raggiunto ora realtà anche più lontane, come Piemonte, Umbria o Toscana, perché sta crescendo anche l’interesse nei confronti del lavoro sempre più che svolgiamo, sia a livello giovanile che di prima squadra. Il segreto è la passione che, partendo dalla proprietà e dal presidente, raggiunge i nostri allenatori, i ragazzi e le loro famiglie. Quanto a Chiusi, abbiamo già visitato in questi giorni la realtà, insieme al nuovo coordinatore tecnico, riscontrando le ambizioni, la voglia e la qualità degli impianti del club e riconoscendo le possibilità che la location può generare in futuro, sulla base della collaborazione avviata”.

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  • Gift Reyer > Reyerstore