Domenica 10 marzo alle ore 16,00: Umana Reyer Venezia – Allianz Geas Sesto S. Giovanni

09 Marzo 2019

Il calendario della Sorbino Cup “scherza” con le lagunari opponendole nuovamente, a distanza di soli otto giorni, alla formazione sestese.
E’ ancora palpabile nello spogliatoio orogranata la delusione per l’uscita di scena, proprio per mano del Geas, nella semifinale di Coppa Italia, ma come sempre, nelle sconfitte come nei successi, occorre guardare avanti pensando all’obiettivo successivo che, nella fattispecie, è il campionato.
La Dirigenza lombarda, grazie al dominio esercitato negli anni 70, conserva nella propria bacheca ben 8 tricolori, oltre a una Coppa dei Campioni e due Coppe Italia, di cui una di A2 e, conclusi i fasti dell’epopea d’oro, ha riversato particolare attenzione nei confronti del proprio settore giovanile. Prova inconfutabile è data dalle “battaglie” che puntualmente caratterizzano le Finali Nazionali delle varie categorie e che sovente vedono protagoniste anche in appassionanti scontri diretti proprio Geas e Umana Reyer.
Dopo molti anni di “altalena” tra la massima serie e quelle inferiori, nelle ultime stagioni la Società ha saputo cogliere due promozioni sotto la guida di Cinzia Zanotti che, dopo i prestigiosi trascorsi con la maglia rossonera, ha dapprima guidato con successo le formazioni Under per poi impugnre le redini della Prima Squadra.
Il Geas occupa attualmente il sesto gradino nella classifica generale a quota 14 punti, appaiato alla coppia Vigarano/Lucca e la sua posizione sarebbe potuta persino essere migliore se la vittoria ottenuta contro la Dike Napoli nel girone d’andata non fosse stata vanificata dal ritiro delle partenopee e dal conseguente annullamento di tutte le gare disputate. A prescindere dai risultati sin qui ottenuti, la squadra lombarda ha comunque sempre dimostrato di possedere grande carattere, lottando con determinazione e riuscendo in alcune occasioni a recuperare in extremis divari anche di una certa entità.
Il match disputato a metà dicembre tra le mura del PalaCarzaniga, vide prevalere le reyerine grazie a un’indiscussa supremazia sotto i tabelloni e in virtù dell’ottima prestazione collettiva che consentì a ben quattro giocatrici (Anderson, Carangelo, Gorini e Steinberga) di raggiungere la doppia cifra.
Capitan Carangelo e compagne sanno di non potersi permettere passi falsi che dilapiderebbero l’esiguo vantaggio su Schio e, allo stesso tempo, sono consapevoli di dover contenere il loro prevedibile e giustificato desiderio di “rivincita” per evitare di incorrere in una controproducente frenesia che favorirebbe le “agguerrite” avversarie.

(s.v.)

2 Commenti in questo articolo

  1. fabrizio

    Avete deluso troppo sto anno nelle coppe ragazze e non si riesce a passarci sopra!!
    Solo uno scudetto potrebbe riscattarvi ai nostri occhi molto tristi e arrabbiati per l’esito inglorioso della sconfitta di sabato scorso: vi meritate, ad iniziare dal coach, quindi tutta la pressione piu’ possibile addosso adesso e dovrete dimostrare assolutamente di superarla, senza se e senza ma!!

  2. norm nixon

    Fabrizio….ma ti xe un marteo!! Ahahahahah dai un po’ di tregua! Fa un bel respiro dai.

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •