Domenica 13 gennaio alle ore 19,00: Umana Reyer Venezia – Passalacqua Basket Ragusa

12 Gennaio 2019

Dopo il confronto infrasettimanale che ha visto l’Umana Reyer superare brillantemente il turno di Eurocup Women a spese di Landes, le orogranata si rituffano nel campionato per affrontare, sotto l’occhio attento delle telecamere di Sportitalia, la forte compagine della Passalacqua Ragusa.
Le iblee, indicate nella pre season dagli addetti ai lavori come una delle maggiori pretendenti al titolo, possono contare su un roster di valore assoluto che è stato ulteriormente rafforzato a gennaio con l’inserimento del play di origine australiana Nicole Romeo, 166 centimetri di talento puro che, vestirà la maglia biancoverde in qualità di italiana. La giocatrice ventinovenne, ha frequentato per un anno il college a Washington prima di rientrare nel suo paese dando inizio alla sua carriera professionistica con le divise delle Canberra Capitals, delle Townsville Fire e delle Melbourne Boomers. Nel 2014, trasferitasi in Germania alla corte del titolato Wasserburg, ha contribuito alla conquista del campionato e della coppa nazionale. Successivamente, è migrata in terra iberica, prima al Cadi La Seu, poi al Campus Promete e infine, nella scorsa stagione al Girona, raggiungendo con le compagne la finale di Liga, della Coppa della Regina e della Supercoppa. In Eurocup la sua squadra, dopo aver eliminato proprio Ragusa, è uscita ai quarti contro Galatasaray, vincitrice della manifestazione. Ha infine esordito la stagione attuale in Turchia con la formazione del Canik per poi atterrare in Sicilia.
La partenza delle ragusane è stata caratterizzata da qualche difficoltà in virtù delle due sconfitte patite alla seconda e alla terza giornata dapprima con l’Umana Reyer, che ha “sbancato” il Palaminardi al termine di un match sempre condotto in testa grazie alla prova “sontuose” di Anderson (19 punti con 5/7 da 3) e di una Gulich capace di competere alla pari con la quotatissima Hamby e, dopo una settimana, capitolando sul parquet delle Campionesse d’Italia. Le due vittorie conseguite su Broni e Lucca, sembravano aver superato l’appannamento momentaneo delle ragazze di Gianni Recupido che sono invece “scivolate “ a San Martino di Lupari pagando un terzo quarto deficitario (19 a 6 il parziale a favore delle Lupe) e la vena balistica di Webb e Marshall capaci di insaccare 36 punti sui 62 complessivi. Proprio da questo risultato negativo, è scattata definitivamente la “molla” che ha portato la Virtus Eirene a 6 successi consecutivi che l’hanno fatta balzare al terzo posto nella classifica generale a due soli punti da Schio.
Oltre che sul “pacchetto” di straniere formato da Hamby, Harmon e Kuster, dotato di forza, tecnica e personalità e che sinora ha garantito quasi 50 punti e 24 rimbalzi a partita, Ragusa può contare su un comparto italiano altamente competitivo, composto da Cinili, Consolini, dalle ex Formica e Gianolla, per concludere con Agnese Soli, sempre più “padrona” della cabina di regia.
Con questi presupposti, il confronto di domenica fa parte a pieno titolo delle gare ad elevato coefficiente di difficoltà per le ragazze di coach Liberalotto che stanno preparando con la massima cura, a dispetto dell’impegno continentale, un appuntamento che da anni rappresenta uno dei momenti clou della stagione.
(s.v.)

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •