Gesam Gas e Luce le Mura Lucca – Umana Reyer Venezia 52 – 74

24 Ottobre 2020

(Parziali: 16-23; 27-45; 42-58)

Gesam Gas e Luce Le Mura Lucca: Azzi n.e., Jakubcova 4, Cibeca n.e., Spreafico 7, Pastrello 7, Russo 6, Orsili, Miccoli 4, Pallotta, Harper 18, Smorto, Tunstull 6 (All. Francesco Iurlaro)

Umana Reyer Venezia: Bestagno 4, Carangelo 12, Pan 8, Natali 5, Anderson 10, Petronyte 10, Fagbenle 20, Meldere, Attura 3, Penna 2 (All. Giampiero Ticchi)

Totali di squadra:
Gesam Gas e Luce Le Mura Lucca: tiri da 2 21/45, tiri da 3 1/14, t.l. 7/12, rimb. dif. 18, rimb. off. 7, p.p. 12, p.r. 11, assist 14
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 15/37, tiri da 3 6/14, t.l. 26/30, rimb. dif. 31, rimb. off. 12, p.p. 17, p.r. 7, assist 15

L’Umana Reyer non si ferma ed espugna il Palatagliate grazie a una prova corale di tutto rispetto contro la quale solo a tratti la Gesam è riuscita ad opporsi.
A sorpresa, Linnae Harper, neo acquisto toscano arrivato in sostituzione della “fuggitiva” DJ Williams, viene schierata da coach Iurlaro contro le previsioni…e le dichiarazioni riportate dai giornali locali alla vigilia.
Subito a bersaglio Petronite che sfrutta l’assist di Carangelo poi il bis di Fagbenle che capitalizza a dovere la palla consegnatale dalla lunga lituana. La reazione delle padrone di casa non tarda ed è Tunstull a depositare. Il canestro di Fagbenle costringe Iurlaro all’immediato time out per mettere a posto le proprie maglie difensive. Non muta l’inerzia del match con Anderson e Spreafico a segno dai 6,75. Per Carangelo è solo retina dalla lunga e la Reyer tocca quota 12 a metà quarto. Prime sostituzioni nei quintetti iniziali con Russo che trova subito il bersaglio da sotto misura. L’antisportivo sancito a Tunstull manda in lunetta Fagbenle che non si lascia sfuggire l’occasione siglando il suo sesto punto personale. Pastrello dall’angolo non perdona e riporta il divario sul -5 (9-14 a -3,51).
La lunetta premia Petronyte confermando la supremazia delle lunghe lagunari che si cercano a più riprese con ottimi risultati. Ancora Fagbenle subito replicata da Spreafico ed è ancora la numero 14 di sponda veneziana a far avanzare il punteggio. Lucca non demorde e Jakubocva si iscrive finalmente a referto. Petronyte cerca con ostinazione il canestro ma, dopo quattro rimbalzi consecutivi in attacco, viene premiata solo da un 1/2 dalla linea della carità. Il tecnico toscano ricorre ad Harper nel tentativo di dare uno scossone alla gara. Due palloni persi dall’Umana consentono a Lucca di recuperare sul finale di frazione anche se gli ultimi punti sono di “Gigi” Petronite che chiude i primi 10′ sul 16 a 23.
Inizia meglio il secondo quarto Lucca con Harper sotto i riflettori. Russo realizza dopo il recupero dell’ex TTT Riga. L’ennesimo canestro di Harper infiamma gli spalti e vale il 22 a 24 dopo poco più di un minuto. Attura aggiusta la mira da oltre l’arco e scava nuovamente un piccolo solco tra le due formazioni. Penna frena il recupero delle padrone di casa, poi la percussione di Pan porta altri due punti ai liberi e sorte analoga tocca a Fagbenle che scrive sul tabellone un rassicurante 22 a 33. Nuovamente Pan in evidenza, questa volta da oltre l’arco, e L’Umana Reyer avanza sul +14. Il bonus falli raggiunto dalla Gesam consente a Carangelo di incrementare il divario. Serie di canestri messi a segno su entrambi i fronti e squadre che rientrano negli spogliatoi sul punteggio di 27 a 45 dopo lo slalom nel pitturato e l’appoggio di Anderson.
L’intervallo lungo non modifica quanto visto nella prima parte dell’incontro e le orogranata con Fagbenle, Anderson da tre e Carangelo dalla lunetta raggiungono in un amen quota 52. Petronyte annichilisce Tunstull con una stoppata e costringe coach Iurlaro a sbracciarsi invocando alle sue ragazze maggior intensità. Yvonne Anderson raggiunge la doppia cifra (27-54 a -8,03) e subito dopo Fagbenle incrementa per due volte consecutive il proprio bottino personale firmando il +30. La Reyer rifiata amministrando il vantaggio acquisito e dando modo a Linnae Harper, ben spalleggiata da Miccoli, di confermare le proprie qualità balistiche. Lucca rosicchia così qualche punticino con un parziale di 14 a 0 a proprio favore e concludendo il terzo periodo sul 42 a 58.
Fagbenle e Natali interrompono il digiuno offensivo reyerino portando l’Umana sul +21 ma Lucca, come da copione, non molla un centimetro sul proprio legno trascinata da Spreafico. Pan scardina la difesa toscana dalla lunga distanza e infonde calma ai propri colori. E’ un’azione da tre punti di Petronyte a vanificare le speranze residue della Gesam costringendola ad un finale tutto in salita nel quale il risultato non viene mai messo in discussione.
L’Umana Reyer mantiene con pieno merito la propria imbattibilità conservando il primo posto della classifica generale. Lucca avrà il tempo per perfezionare i propri meccanismi adattandoli al meglio ad una Linnae Harper che, sbarcata dall’aereo da pochi giorni, ha dato subito prova delle sue grandi potenzialità.
(s.v.)

Umana SpaErreàSetten GenesioMaserIl GazzettinoAlleghe sul lagoOrler TvCucina NostranaACTVAntolini Motorsjesolo.itDesparMSCQuid Hotel Venice AirportSixtus ItaliaVilla CondlumerPM-InternationalJVF Jewel Virtual FairPalakissIMPRESA PASQUAL ZEMIROEuroLeague TVIntesa San Paolo Rbm Salute

18 Commenti in questo articolo

  1. Dado

    Assolutamente deliziato dalla vostra partita Ragazze.. BRAVISSIME!!

    Pare tutto facile a vedervi in campo.. Grande senso di squadra e voglia di dare il massimo.

    In un periodo difficile davvero, siete come un arcobaleno luminoso che esce dallo schermo dei nostri televisori.. e che da molta speranza, non solo cestistica.

    GRAZIE.. :*

  2. Leonesso

    Complimenti doverosi alle ragazze, sembrano proprio di un’altra categoria. Colpisce soprattutto la forza mentale visto che non mollano mai nemmeno quando la vittoria pare in cassaforte in ragione dell’ampio divario.

    Ciò detto, fatemi dire una cosa: ho sottoscritto l’abbonamento e LFB TV visto il costo esiguo – €19,99/anno – ed ieri sera facevo zapping da una partita all’altra. Mi ha colpito l’incontro tra la (ex-gloriosa) GEAS di Sesto San Giovanni e la Dinamo Sassari. Le milanesi (che finora avevano perso solo la prima partita contro le nostre campionesse) sono scese in campo in 6 perché 5 atlete sono positive al coronavirus, poi sono rimaste senza l’unico cambio per il quinto fallo di una strepitosa Costanza Verona ed hanno terminato in 4 a causa dell’infortunio della bravissima Sara Crudo.

    Mi domando se sia stato giusto far disputare una gara in queste condizioni, con un evidente handicap già in partenza per una delle due squadre.

  3. norm nixon

    leonesso…no.Non e’ stato giusto. Ma siccome il baraccone deve proseguire a tutti i costi…allora finiamo per assistere anche a questo. Capisci benissimo dove voglio arrivare col ragionamento.

  4. fabrizio

    Perche’ fosse per te staresti tranquillamente fino a Marzo senza pure lo sport, vero Norm?
    Beh, io invece proprio per niente e gia’ da oggi ci tolgono qualsiasi svago o forma di socializzazione serale, diritto alla cura del fisico in palestre e piscine e senza contare tutti gli altri limiti e restrizioni gia’ esistenti (oltre al disastro economico che verra’) e tu parli pure di baraccone che deve andare comunque avanti??
    Non esiste solo il covid, e’ ora di finirla e portare rispetto anche a tante persone che stanno soffrendo di altro o perderanno il lavoro e sappiamo bene che sto cazzo di nuovo dpcm lo prolungheranno tutto l’inverno sti paurosi al governo ma la gente non se la mettera’ via stavolta e da subito, come si e’ visto gia’ stanotte a Roma e l’altro giorno a Napoli e domani chissa’ in che altre citta’!
    Sportivamente parlando, non e’ stato bello certo che il Geas giocasse in 6 ma allora potevano portarsi almeno dietro delle under per avere comunque dei piccoli cambi: ad ogni modo, meno male che lo spettacolo sportivo vada avanti (almeno quello cazzo), anche perche’ sto anno per le nostre bravissime ragazze puo’ essere davvero l’anno buono e quindi guai a interromperlo!

  5. Paolo Miro

    1) concordo sulle under da utilizzare in casi estremi che non saranno infrequenti;
    2) meno male anche secondo me che lo sport prosegua (se necessario anche a porte chiuse pur se ci rimetterei personalmente temo);
    3) chiedo dove avete visto la partita dato che io ho provato su LBF tv appena tornato a casa per il 2do tempo, ma era a pagamento mentre a me pareva avessero detto che quest’anno le trasmettevano in chiaro;
    4) i disordini che accadono sono frutto di condannabili organizzazioni sovversive politico/sociali che cavalcano la situazione sfruttando il malumore popolare e che andrebbero annientate con l’uso dell’esercito

  6. Paolo Miro

    Quanto al lockdown parziale però concordo e faccio notare che non si vive (solo) di sera. Spiace per quelle attività (che sanno benissimo di esser a rischio in sto periodo) con i lavoratori che subiranno nefaste conseguenze, ma comunque di giorno non è stato impedito nulla e perciò è una restrizione necessaria quanto sostenibile; presa perché nei mesi precedenti non si è saputo/voluto organizzarsi a dovere per fronteggiare la prevedibilissima se non scontata seconda ondata.

  7. Leonesso

    @Paolo Miro partita vista su LFBTV, come ho scritto, con abbonamento annuale a prezzo popolare.

    Per inciso: Cantù nella stessa situazione delle ragazze del GEAS Basket falcidiata dal Covid, ma in questo caso la Lega ha disposto il rinvio della gara contro Treviso.

  8. Leonesso

    @Paolo Miro: la società Geas aveva anche emesso un comunicato in cui spiegava la scelta di non coinvolgere tesserate più giovani e di aver avanzato la richiesta, inascoltata, di rinviare il match.

  9. Paolo Miro

    Beh scelta tutto sommato comprensibile, anche se non vedo cosa cambi dato che il rischio è uguale per tutti oramai.
    Mentre sul mancato rinvio purtroppo 2 pesi e 2 misure. Male!

  10. Paolo Miro

    Inoltre non so se per le donne il minimo di atlete da schierare sia più basso degli uomini o uguale, ma finché tale numero minimo è raggiungibile secondo me le squadre devono giocare e le partite non vanno rinviate ogni volta anche per rispetto di chi riesce invece con sacrifici e attenzioni a non trovarsi falcidiato dai contagi che non avvengono per sfortuna.

  11. fabrizio

    Lo sport deve andare avanti! Punto!!

  12. Paolo Miro

    Eh ma Fabrizio…è proprio rinviando ogni volta le partite che non lo fai andar avanti!

  13. fabrizio

    Infatti non capisco ste partite rinviate Paolo quando comunque il numero minimo di giocatori sarebbe presente: bisognerebbe dare quindi sempre la sconfitta a tavolino 20 – 0 per chi non si presenta o per chi chiede il rinvio trincerandosi dietro la scusa patetica di avere a cuore di non far partire un focolaio a tutti visti i casi registrati e altri che potrebbero subentrare nelle ore successive in quella squadra o in quella che devono affrontare!
    Dico che e’ patetico perche’ e’ un rischio che va corso e messo in preventivo se vogliamo comunque andare avanti con le coppe e i campionati fino alla fine e siccome l’estate prossima ci sono pure europei e olimpiadi che non si possono (e non si vogliono da come dicono) giustamente ulteriormente rimandare, ecco, ribadisco, lo spettacolo deve andare avanti!!

  14. Paolo Miro

    Ma a prescindere dal “The show must go on” secondo me anche impietosamente chi “sbaglia” (sarebbe più corretto dire “omette”) paga. Se chi non fa prevenzione e controllo adeguati si abbranca sempre al rinvio delle gare, non solo non è più finita, ma diviene uno schiaffo moral-psicologico nei confronti di coloro che tanto si prodigano per salvaguardare la propria incolumità e indirettamente quella altrui osservando tutte le cautele e prescrizioni necessarie che, invece, sembra così siano appannaggio di quelli che non vogliono giocare per timore di contagiare qualcun altro. Ma come? Non sei stato attento e ora ti preoccupi?!?
    La regola che prevede il numero minimo per poter scendere in campo allora a cosa serve? Non so la GEAS se l’avesse con sole 6 atlete ma Cantù sì diamine!
    E i brianzoli hanno ottenuto il rinvio mentre le ragazze hanno giocato lo stesso pur sapendo di andar incontro alla sconfitta.

  15. fabrizio

    Ieri sera le Regioni avevano proposto finalmente nero su bianco la regola che sarebbe stata la svolta decisiva nel far andare avanti le varie cose pur in presenza del covid ovvero quello di fare i tamponi solo ai sintomatici forti, in modo che i “semplici” positivi possano continuare a uscire e a lavorare oltre che far crollare il numero dei contagi a solo quelli, diciamo cosi’ “effettivi” ed e’ chiaro che a quel punto sarebbe difficile mantenere certi limiti!
    Conte e Speranza non hanno badato minimamente invece a quanto richiesto a sorpresa in merito stanotte dalle regioni, in primis Zaia e Bonacini, con Speranza quasi indignato della, diciamo cosi’, crudelta’ e cinismo di alcuni governatori (da noi, poi, per esempio sembra si volesse far tenere aperto, tra le varie, a tutti i costi il Casino’, fondamentale per Venezia effettivamente).
    Ma pensa Paolo quanti giocatori sarebbero interessati dal covid se si considerassero solo i sintomatici? Pochissimi visti i riscontri finora e a quel punto di partite rimandate non ce ne sarebbero!
    Un po’ come vuole fare ora l’America che appunto sembra che a breve non considerera’ più gli asintomatici nei conteggi.

  16. Paolo Miro

    Forse era un’idea da sperimentare. Però ricorda che anche gli asintomatci hanno la stessa contagiosità de sintomatici e perciò pur se non definibili veri malati sono un potenziale pericolo per tutti. Tra l’altro come portatori sani non lo sanno per tempo e divengono ancora più rischiosi per la diffusione che già è fuori controllo di per sè. Questo è il problema. Quindi il conteggio globale deve nostro malgrado tener conto anche di loro per capire quante persone sono state colpite che, in confidenza, al punto in cui siamo, più diventano e meglio è.
    Magari non tutt di un colpo ecco!

  17. Paolo Miro

    E non parliamo xi cinismo per.carità!
    Sennò anche quello che ho scritto sopra potrebbe esser additato come tale e invece non è altro che quello a cui dovremo abituarci piaccis o meno.

  18. Paolo Miro

    Intanto io l’altro giorno avevo pronosticato un po’ A denti stretti che quella contro Sassari poteva anche di venire l’ultima partita visibile dal vivo ma anche se contavo sul contrario la cosa si tramuta in realtà perché da più fonti mi è arrivata la notizia che le prossime partite saranno tutte a porte chiuse

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •