Paolo De Zotti dopo Gara5 di semifinale

27 Aprile 2019

Paolo Roberto De Zotti, direttore della sezione femminile dell’Umana Reyer, al termine di Gara5 di semifinale scudetto.

“Naturalmente c’è grande dispiacere di non aver centrato la finale scudetto, purtroppo il primo tempo ha condizionato l’incontro nonostante la reazione delle ragazze sia stata encomiabile.
Al di là delle dinamiche tecniche e degli errori commessi rendiamo merito a Ragusa.
Purtroppo nelle semifinali delle ultime tre stagioni siamo stati anche sfortunati a disputare le partite decisive senza giocatrici molto importanti come Ashleigh Fontenette, due anni fa, Ashley Walker, l’anno scorso e Jolene Anderson quest’anno. Quando lavori con un gruppo per un anno intero non è facile sopperire a tali gravi mancanze in una serie di semifinale, dovendo riassettare la squadra.
Noi inoltre siamo convinti che si vince e si perde tutti insieme, non credo sia giusto indirizzare le critiche unicamente nei confronti di coach Andrea Liberalotto.
Andrea è con noi da oltre dieci anni, con lui siamo ripartiti dalla serie B fino a tornare ai vertici della A1, togliendoci soddisfazioni anche a livello europeo.
Ora c’è grande amarezza ma come sempre ci rimboccheremo le maniche perchè vogliamo continuare ad essere competitivi e regalare soddisfazioni ai nostri tifosi.
Infine, ma non meno importante, voglio ringraziare il pubblico che, sempre più numeroso, ha accompagnato le ragazze in questa annata. Oggi c’erano 1844 spettatori, grazie!”.

28 Commenti in questo articolo

  1. ale70

    Si non ha perso solo Liberalotto ma tutto lo staff si è dimostrato come al solito quando le partite contano ….INCONPETENTE e non in grado di sostenere questi livelli….poi certo anche le giocatrici hanno le loro grandi responsabilità….ma prima di tutto ripeto va cambiato lo staff tecnico….spero che Brugnaro sappia prendere come al solito le decisioni giuste

  2. De Zotti ha pienamente ragione l’unico responsabile non può essere Liberalotto ma tutto lo staff che, spero, dimostrando dignità dovrebbe dimettersi in blocco per manifesta incapacità ed inettitudine. E poi basta scuse mancava questo e l’altra giocatrice abbiamo sempre perso non solo in campionato a anche in coppa Italia e coppe europee pur avendo tutte le giocatrici disponibili.

  3. Paolo Miro

    Leggo solo ora. Meglio.
    Quello che De Zotti soytolinea a ragione MA NON SPIEGA (forse perché non lo sa nemmen lui) è il motivo della scesa in campo in quelle deleterie condizioni di spirito e perché la reazione non sia perlomeno partita prima. 33 punti subiti in un quarto per il basket femminile professionistico sono un sacrilegio e la colpa va attribuita solo al piano partita sbagliato (in specie mancata individuazione dei punti forti e deboli delle avvrsarie) o alla mancata applicazione del nostro punto forte, la difesa, che appunto nel secondo tempo ha consentito un inpensabile recupero? 10 anni di guida e nonostante rosters a disposizione sempre più forti e soprattutto esperti è arrivata solo una finale di Eurocup.
    Se ci sono dei limiti vanno accettati. Poco da fare.
    Mi unisco a Nitran-go sul giudizio sulla Anderson.
    A molti capita purtroppo di subire lutti dilorosi ma quanfo si ha un contratto professionale dopo la giusta e doverosa pausa si onora e gara 5 lo necessitava. Visto che si accampa anche e soprattutto tale alibi….

  4. bagigio

    Bravo Paolo. Quoto.

  5. Paolo Miro

    Purtroppo ti me “quoti” soeo che ti 🙁

  6. oile

    Anch’io sono convinto che la Anderson poteva esser presente.Ma lo staff tecnico un esame di coscienza sui propri errori lo deve fare e non barricarsi su scusanti giustificanti i propri errori.Liberalotto si son 10 anni che dirige,si a dato certi frutti…ma quando l’albero non ne da più?…

  7. Paolo Miro

    Si pota….

  8. Paolo Miro

    E poi Oile calma. 10 anni dei quali quanti in A1? E con quali obiettivi raggiunti? La finale di Eurocup è stato l’unico degno di nota e sappiamo bene come è arrivata e per merito di chi (anche se si vince e si perde tutti adsieme); per il resto….
    Non può essere che a negli alti livelli fuoriescano dei limiti che non si vuole accettare di avere?
    Con tutto il rispetto eh? Non c’è nulla di male o da offendersi.
    E invece mi risulta che il coach sia piuttosto permaloso e non accetti volentieri suggerimenti dai suoi collaboratori (Casarin incluso che l’ultima volta si è ben giardato da dargliene pur se gliel’aveva chiesto il Paron)
    Un lusso che, date le circostanze non può permettersi.
    Poi bisogna vedere quante e quali atlete lo seguano e anchrle questo è un pregio o un dpoitto di un allenatore.

  9. Paolo Miro

    Difetto volevo scrivere.

  10. Dado

    Paolo.. Bagigio.. Quando avremo invece una dichiarazione che semplicemente ammette la superiorità di Recupido a Liberalotto?

    Considerando:
    • preparazione tecnica atletica della squadra in vista dei play-off
    • preparazione motivazionale psicologica
    • preparazione del piano partita per affrontare avversari specifici
    • preservazione dello stato di forma ed energie giocando partite ravvicinate
    • conduzione durante la partita: rotazioni, minutaggi, time outs, schemi..
    • Struttura del sistema difensivo
    • Struttura del sistema offensivo e soluzioni in attacco

    Onestamente.. c’e’ una sola di queste voci in cui ritenete Liberalotto superiore a Recupido da quello che si e’ visto in campo?

    Non si tratta se Liberalotto sia brevetto o meno, e posso immaginare che negli anni sia anche migliorato. Riferirsi alle promozioni dalla B in A e’ a mio avviso fuorviante.. cosa vuol dire? Che diamo la guida allora a Liberalotto per le prossime stagioni sulla base di risultati ottenuti anni fa?

    Per me l’unica domanda che la dirigenza dovrebbe porsi e’ :

    Con gli obiettivi che la squadra femminile ha: Scudetto, Eurolega o altrimenti almeno coppa europea (quindi alti..) Liberalotto ha dato chiare dimostrazioni di poter essere a livello sotto tutti gli aspetti per guidare la squadra?

    Questa serie doveva essere un secco 3-1 per Ragusa, solo che abbiamo avuto in Gara 1 una Steinberga extraterrestre che ci ha portati sul 3-2.

  11. Dado

    Aggiungo.. il sistema difensivo di Ragusa dovrebbe essere oggetto di studio anche per il nostro WDR.. mi ha fatto piacere ci sia stato, spero ne faccia tesoro e prenda ispirazione..

  12. Paolo Miro

    La dichiarazione non l’avrai mai. Proprio per i motivi che ho scritto in finale di ultimo post.
    Quanto ai successi ottenuti o meno nei 10 anni di permanenza sulla panchina di cui parla De Zotti appunto, anche io mi riferivo e mi collegavo alla differenziazione e al pesi specifico tra A1 e A2 e soprattutto a quelli mancati (perché sono quelli l’oggetto del contendere) nella massima Serie a orescindere dai Rosters di livello medio-alto che ha avuto a disposizione.
    Quanto al rendimento di Ragusa rispetto a Venezia io, pur complimentandomi per aver loro reso al massimo del proprio potenziale se no di piu’, continuo a ritenere Venezia superiore (anche se a Schio forse speravano arrivassimo noi in Finale) ma non lo si è potuto avvalorare a causa di sciagurata gestione delle proprie forze dopo una Regular Season straordinaria che meritava miglior conclusione e seguito. Della serie: uno spreco inqualificabile e inaccettabile.

  13. Dado

    Paolo.. concordo che sulla carta le nostre giocatrici potrebbero essere più forti.. ma in società abbiamo già buona esperienza che fare bene in R.S. ed essere sulla carta più forti non vuol dire molto per i PO, guarda l’asfaltata che ci ha dato Trento lo scorso anno..

  14. Cesco

    Comunque, che non parli o che non sia riportato Liberalotto è scandaloso. Onori e oneri, il coach deve metterci la faccia. Il blog sarebbe maturo abbastanza per non far trascendere le sacrosante pesantissime critiche in offese personali, e comunque c’è un admin che fa il suo lavoro. A questo punto, a maggior ragione, che si limiti ai fatti: dimissioni. E se la famiglia Reyer lo ritiene utile, lo impieghi in altro ruolo, magari è un buon insegnante di basket, a tirare su giovani potrebbe essere utile, ma allenatore ad alto livello proprio no.

  15. pope oe

    Forse Craxi, quando suggerisce di “impegnare l’allenatore in altro ruolo” aveva in mente LeoRey ???

  16. pope oe

    Cesco … sto cavolo di correttore

  17. Sono basito, come vedo molti altri, dalle argomentazioni di De Zotti. In sostanza ci teniamo Liberalotto perché ci ha portato si dalla serie B… ma che ragionamento è?

  18. Interessante l’intervista di oggi sulla nuova, ha difeso l’indifendibile.

  19. fabrizio

    Alla base delle dichiarazioni di De Zotti e soprattutto della probabile quanto sarebbe clamorosa, grottesca e ridicola conferma di Liberalotto non può allora che esserci una unica motivazione, già ribadita da più di qualcuno altre volte (a meno che, ma voglio credere proprio di no, Liberalotto alleni gratis, rimborsi spese e quant’altro a parte): alla Società dei successi sportivi sul campo (maschili e femminili) interessa il giusto o comunque fino a un certo punto perchè quello che conta è il progetto sociale – familiare e i vivai e pertanto, tornando a tutti questi anni di figuracce e di insuccessi a livello della prima squadra delle ragazze, probabilmente a chi di dovere va anche bene continuare in questo modo o con questo andazzo e chissà mai che con un colpo di fortuna o se oltre a Napoli anche Ragusa e Schio dovessero fallire, un giorno non accada quanto successo nel 2017 col maschile!
    Mettiamocela via quindi tutti quanti che tanto a Settembre rivedremo ancora Liberalotto al ponte di comando oltre che i soliti noti e con, ovviamente, le stesse prestazioni e risultati di questi anni!!

  20. Dado

    Fabrizio.. si ci sarà ancora a Settembre.. la speranza e’ che gli comprino un’intera squadra WNBA nel tentativo di farlo vincere, così almeno continuiamo a perdere comunque ma almeno vedendo delle giocatrici sempre più capaci in campo

  21. Le sconfitte causate dalle assenze? In coppa Italia e coppe europee eravamo al completo ed abbiamo perso comunque. Come giustificazione mi sembra penosa….

  22. oile

    Voi non capite le parole evangeliche di DE ZOTTI ,a riguardo Liberalotto ,che si possono racchiudere in una piccola frase…”anche e suche e matura”……..

  23. fabrizio

    Liberalotto via da Venezia: altri scenari non possono essere contemplati e dai………

  24. giama29

    Fabrizio, è proprio così. Idem per il basket maschile. Quanto successo nel 2017 è stato del tutto inaspettato. Quest’anno, per come viene gestita la squadra e per le campagne acquisti realizzate, non si trova traccia di quella cosa di cui tutti stanno parlando senza mai pronunciarla: AMBIZIONE. Manca proprio la fame e la determinazione almeno per provare a raggiungere certi obbiettivi. Si cerca di raggiungere il miglior traguardo possibile con quello che butta il convento. Dado, visto che ti piacciono numeri e medie, per dare forza alle tue ultime statistiche dovresti trovare i minuti complessivamente giocati dai vari Johnson, Vidmar etc. nel 2017-2018 e nel 2018-2019 e dividerli con il numero di punti fatti per valutare quanto siano stati decisivi nell’arco delle due stagioni.

  25. Dado

    Giama.. potrei anche dividere i numeri etc.. ma il punto e’ un altro.. e cioe’.. questi giocatori in contesti agonistici di simile livello, con altre squadre si esprimevano molto bene. Ora.. se da noi arrivano.. giocano meta’ dei minutaggi e medie pari a meta’.. benissimo tutto torna. Quello che non torna e’ invece un procedimento involutivo che sembra prendere piu’ di meta’ dei nostri acquisti.. e che tende a farli uscire di scena e dal campo proprio!! e a non essere manco piu’ utili a noi per niente..

    Esempio.. Cooley e’ una vera rivelazione.. ma se venisse da noi.. non ho garanzie che non faccia la stessa fine di Vidmar.. si comincerebbe a dire (1) eh.. ma e’ arrivato dopo un fermo di 3 settimane (2) deve adattarsi al sistema difensivo (3) e’ un pivot un po’ troppo lento per i giochi di transizione di WDR(4) deve ancora integrarsi.. etc.. e dopo 3-4 mesi lo si butterebbe fuori scena in quanto inutile. Guarda Kennedy.. e’ abissalmente diverso dai video che lo ritraggono su youtube lo scorso anno.

    Un giocatore che Spero arrivi (prima meglio che poi) e’ ABASS (14p/ e 4.7rimbalzi a partita in campionato) con trentelli toccati piu’ volte (32 punti max quest’anno) con media minuti 31,7 (quindi un giocatore rilevante..) praticamente un top straniero.. solo che e’ italiano.. Da noi magari farebbe la fine di Washington..

    Inizierebbe con 15-20 minuti Max.. stracaricato di tutte le nostre logiche difensive.. starebbe in coda per entrare in campo dietro a Haynes, Stone, Bramos, Daye, etc.. e finirebbe a fare mediamente partite da 12-15 minuti in campo con 5punti e 2 rimbalzi a partita. E anche se questa non sarebbe molto diversa dalla fine di Della Valle a Milano.. non mi sembra una grande filosofia.. e non porta a ben vedere neanche a risultati.

  26. alex68

    Cmq liberalotto o no anche se il mio pensiero è ke quando c’è da giocare davvero non è al altezza e non sono parole mie ma realtà come si è visto ok unici traguardo da b ha serie A poi basta ok poi una finale eurocup x il resto niente 0meno di 0 3 semifinale con Ragusa persa di nuovo e fuori ok mancava anderson questo anno anno scorso un altra anno prima un altra, io penso che una squadra che vuole vincere è pronta a tutto anche a coprire le assenze e si parla di 1giocatore e nn può essere una scusa se questo anno anderson ok lutto e dispiace moltissimo ma poteva essere un infortunio o qls altro anche una giornata no ke entra in campo e nn combini nulla ed è esattamente come fosse assente, dunque attaccarsi ha che per 3anni mancava una giocatrice e un po’ misero o no i roster delle squadre speci questi anni sono molto lunghi appunto x sopperire a mancanze infortuni giornate no. Cmq 2parole Ragusa si è studiato per bene la Reyer andando sul 2/0 x Reyer e non con punteggi sconvolgente la prima di 4/5 punti la seconda qualche punto in più poi aspettato la preda a Ragusa e là castigata di brutto e poi in gara 5 ha affondato il colpo merito a Ragusa ke la finale nn solo questo anno ha sempre meritato o no.cmq qlks nel settore Reyer bisogna fare xke continuare così non va bene assolutamente ke sia allenatore o staff tecnico o quello che sia sé El patron vuole spendere ancora di più x giocatrici ancora più forti e poi alla fine ricavato una bel niente bo contento lui apposto.ruolino di questo anno: coppa Italia fuori eurolega fuori primo turno eurocup fuori primo turno prima in regular seson fino al ultima partita poi perso il primato di un punto ultima giornata, play off passato il turno agevolmente semifinale gara 1e2 ottimo avvio xro già con pensiero che si andava a Ragusa e poi si è tornato con un bel 2 a 2 che si è trasformato in un 2/3 alla faccia della 5partita in casa fattore campo ma mancava juli anderson ke colpito da grave lutto però cari dirigenti e coach un pensiero anche di avere le palle e dimettersi nn c’è ovviamente c’è un bel stipendio andare hai caf x reddito di cittadinanza nn mi va di fare

  27. alex68

    Tutto quello che ho scritto senza virgole e punti in pratica scritto da ignorante e solo per buttare in risata questa farsa del settore della Reyer femminile scusate chiedo un time out xke devo andare in cesso

  28. Leonesso

    Prima che finisca tutto nel dimenticatoio è bene ricordare che Liberalotto se ne deve andare. Allenatore incapace e dannoso.

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •