Raduno Umana Reyer: il Capitano Michael Bramos

18 Agosto 2019

Il Capitano dei Campioni d’Italia, in occasione del raduno di squadra e staff, ha rilasciato questa intervista ai microfoni del metropolitano.it. Di seguito la traduzione:

“Sono molto contento di essere qui, felice che sia la mia quinta stagione alla Reyer. Abbiamo vinto due campionati finora e sto davvero bene in questo Club.
Il nostro primo obiettivo è quello di diventare una squadra, rimanendo uniti nei momenti difficili. Siamo ambiziosi e giochiamo sempre per vincere, ma questo richiede tantissimo e duro lavoro, e anche un po’ di fortuna, per cui i nostri obiettivi primari sono restare sempre uniti come squadra e vincere più partite possibili.
Abbiamo dato il benvenuto ai nuovi arrivati, siamo felici che entrino a far parte della squadra. Lavoreremo insieme per crescere in modo che anche loro possano dare il loro contributo.
All’Umana Reyer è sempre più importante il lato umano delle persone e credo che la società abbia fatto un ottimo lavoro cercando prima brave persone che siano anche bravi giocatori. Abbiamo un’ottima atmosfera familiare qui a Venezia.
Dovremo farci trovare pronti da subito quest’anno perché giochiamo la Supercoppa, ma anche l’Eurocup è importante per il nostro Club e credo inoltre che il campionato italiano sia molto più competitivo. Abbiamo una squadra di giocatori esperti che conoscono bene la difficoltà di questa stagione e abbiamo già iniziato a lavorare per essere pronti.
Il Club ha fatto un ottimo lavoro confermando tanti atleti che hanno vinto lo scudetto ma anche aggiungendo giocatori di cui avevamo bisogno. La società ha costruito un ottimo roster, ora tocca a noi trovare il giusto equilibrio e far girare la squadra”.

2 Commenti in questo articolo

  1. Bravo Bramos, sicuramente fara’ un’altro grande campionato, Ho appena finito di guardare il torneo dell’Acropolis con l’Italia che ha preso 20 punti dalla Grecia, piu di 30 dalla Serbia e ha perso anche con la Turchia. Che ci andiamo a fare in Cina? Guardando la partita con la Turchia non riuscivo a capire se era l’Italia che giocava con in campo 4 giocatori di colore. Biligha,Brooks,Hackett,Abbass e il povero Bellinelli. Ho visto tanti giocatori fuori fase veramente,
    Della Valle,Ricci, a salvarsi il solito Gentile.
    Ampelio

  2. Tutto giusto, ma ricordiamoci i nostri Eroi 1 mese più o meno prima dei p.o, tutti o quasi prevedevano il non passaggio del primo turno, poi abbiamo visto come è andata, chiaramente non arriverà tra le prime, ma potrebbe fare un campionato dignitoso, mai dire mai nel basket.

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •