Euroleague Women: Umana Reyer Venezia – BLMA Montpellier 79 – 59

24 Novembre 2021

Parziali: 30-17; 38-36; 56-50;

Umana Reyer Venezia: Bestagno 6, Carangelo 2, Thornton 11, Anderson 24, Petronyte 16, Madera, Smorto, Attura 8, Penna 8, Ndour 4 (All.: Andrea Mazzon)

BLMA Montpellier: Wallace 12, Dieme 9, Peters 4, Kiavi 2, Filip 10, Naigre 2, Riviere, Plouffe 7, Zemoura, Tourè 13, (All. Valery Demory)

Totali di squadra:
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 19/41, tiri da 3 10/24, t.l. 11/12, rimb. dif. 32, rimb. off. 9, p.p. 16, p.r. 11, assist 26

BLMA Montpellier: tiri da 2 18/44, tiri da 3 5/17, t.l. 8/9, rimb. dif. 26, rimb. off. 7, p.p. 20, p.r. 9, assist 13

Semaforo verde per l’Umana Reyer che sblocca il proprio punteggio nella classifica del Girone A di Euroleague aggiudicandosi il confronto con l’agguerrita Montpellier al termine di un’autentica battaglia che non è ben rappresentata dall’ampio scarto finale.
Ad affrontarsi alla palla a due sono Thornton, Anderson, Petronyte, Penna e Ndour opposte a Wallace, Dieme, Peters, Naigre e Plouff. E’ proprio quest’ultima ad aprire le danze imitata da Dieme. Penna risponde “presente” ed è ancora la numero 41 veneziana, ad effettuare il sorpasso. Thornton da pari distanza per l’8 a 4. La terza tripla orogranata è opera di Anderson anche se le transalpine reagiscono con Wallace. Allo scadere dei 24″, per Yvonne Anderson è solo retina ma due palle perse in attacco consentono e Peters di ridurre il divario, Petronyte da sotto misura e primi cambi su entrambi i fronti. A cronometro fermo ancora Peters mentre per Bestagno è solo 1/2 dalla lunetta. La “capitana” si fa subito perdonare fornendo un assist d’oro a Petronyte che concede il bis nell’azione successiva. Anderson castiga la difesa delle transalpine siglando il 23 a 10 dopo sette minuti scarsi di gioco. Il time out di coach Demory consente al Lattes di rifiatare andando subito dopo a bersaglio con Dieme. Bestagno e Carangelo fanno volare le lagunari sul 27 a 13 scatenando la reazione delle francesi che piazzano un mini-break sfruttando i cambi operati dal tecnico veneziano che ha abbassato il proprio quintetto. Da oltre l’arco Attura chiude la prima frazione sul 30 a 17.
L’avvio del secondo quarto vede le formazioni rallentare il ritmo dopo i primi tiratissimi dieci minuti. Peters da sotto misura e successiva girandola di sostituzioni da parte di coach Mazzon che continua a rimescolare le carte cercando il miglior assetto. Thornton e Tourè, quest’ultima per due volte consecutive, per il 32 a 23. E’ Kayla Thornton a interrompere il digiuno offensivo delle compagne mentre Filip e Tourè tentano con successo di ricucire il passivo (34-26 a -4,29). Wallace dalla lunga riporta i propri colori a soli 5 punti. Dieme e Tourè impattano e l’Umana Reyer deve ripartire da zero. Wallace e Anderson, che tocca la doppia cifra personale, poi la difesa asfissiante e talvolta al limite del regolamento delle francesi impedisce alle padrone di casa di riallungare. Il punteggio rimane così congelato sul 38 a 36 che chiude il secondo quarto.
Ndour sbaglia un facile appoggio in avvio di ripresa ed è Anderson a rimediare muovendo il tabellone. Filip non fallisce i liberi concessi ma Petronyte, Ndour e ancora Petronyte, questa volta dalla lunetta, stabiliscono il 46 a 38. Thornton a completare l’allungo mentre Astou Ndour compensa la serata poco brillante in attacco dannandosi in difesa. Plouffe e Anderson per il 50 a 40 mentre Penna è “chirurgica” dai 6,75. Non tarda ad arrivare la reazione di Montpellier trascinata da Plouffe e Kiavi. Attura e la sua tripla “aperta” riportano il vantaggio orogranata in doppia cifra. Wallace con cinque punti in rapida successione riporta le “bleus” a soli due possessi lunghi e l’ultimo buzzer parziale vede l’Umana avanti sul 56 a 50.
Tourè è implacabile dai 6,75 e apre nel migliore dei modi l’ultimo quarto. Filip riavvicina le compagne a una sola incollatura. La Reyer getta sul egno tutta la propria rabbia con Petronyte e Anderson ritrovando il +6 (61-55 a -7,22). Montpellier si affida nuovamente la sua difesa “sporca” ma l’Umana ribatte colpo su colpo. Tourè è una spina nel fianco anche se la Reyer può contare sul “bonus” a proprio favore e non spreca l’occasione con Thornton, precisa dalla “linea della carità”. Dieme a segno prima della giocata di Thornton che recupera un pallone impossibile. La linea dei personali sorride ancora alle padrone di casa e la “bomba” di Bestagno fa esplodere i supporter di fede lagunare. La stanchezza annebbia le idee delle francesi che commettono falli a ripetizione venendo puntualmente “castigate”. Anderson arriva a quota 24 ma la sua gara è stata superlativa anche in termini di palloni recuperati, assist e tanta intensità. “Gigi” Petronyte e Attura, la prima autentico totem sotto le plance a dividersi la palma di MVP con il “folletto” d’ebano grazie alla sua doppia cifra, schiantano definitivamente la strenua resistenza delle avversarie suggellando una gara disputata al meglio da tutta la squadra e che fa ben sperare per il prossimo match di campionato contro Sassari.
(s.v.)

Umana SpaErreàMaserIl GazzettinoOrler TvACTVDesparQuid Hotel Venice MestreSixtus ItaliaMSC CrociereVilla CondlumerPM-InternationalIMPRESA PASQUAL ZEMIROIntesa San Paolo Rbm Salute

17 Commenti in questo articolo

  1. Abdul-Jabbar

    Il divario è importantissimo.
    Questa partita poteva divenire l’oit-out e invece spero sia l’inizio di una ripresa sotto tutti i punti di vista.
    Secondo Quarto a parte (8 punti dopo i 30 del primo) nel resto della partita a tratti si è rivisto spirito, intesa e applicazione (oltre a giocate) che mi hanno ricordato la squadra detentrice del Titolo. Che va assolutamente difeso.
    E se le buone intenzioni partono così c’è da ben sperare. Soprattutto perché le atlete senbrano gradire ed assimilare velocemente i nuovi schemi.
    Sarebbe fin troppo facile confrontare questa partita con le precedenti con in panca Romano ma è indelicato e soprattutto ingiusto perché non è stato lui a chiedere di venir promosso Head.
    Mazzon sa quel che vuole e che può ottenere ed il gruppo si sta ricompattando Penna ed Attura comprese.
    Al rientro di Pan sarà ancora un’altra musica. E le vittorie chiamano vittorie.

  2. Dado

    Bene! Ma rimaniamo penultimi in classifica. Mia nonna avrebbe detto che avete fatto ‘metà del vostro dovere’. Molto bene Petra, certamente MVP e finalmente versione Eurolega.. e pure vicina alla tripla doppia, male Ndour-fall.. il 2/8 da 2 non si può vedere.. troppi errori e poca fisicità. Debby ancora in versione Tarik..

  3. Ary

    Paolo sono d’accordo con il tuo commento, meno con quello di dado: Petra un po’ meglio ma non aveva nessuno sotto ! La aspetto al varco , comunque qualche segno c’è . Deborah non è ancora ai suoi livelli, bene penna però. Però ripeto manca Pan , la giocatrice più carismatica. Poi Yvonne: spettacolo per gli occhi! È ai livelli dei maschi, classe cristallina. Vorrei conoscerla. La prossima gara interna ci sarò . Vorrei chiamare tutti a trovarci

  4. Ary

    Dado non mancare ! Ci guardiamo la gara assieme . Paolo ti ci sarai ? mi fai conoscere Yvonne

  5. Ary

    Mazzon non è un m…a metterà a posto le cose. Secondo me romano non aveva la fiducia delle ragazze e questo si è un po’ captato. La reyer è la stessa , madera-meldere porta un vantaggio, Howard-ndour fall uno svantaggio pazzesco !!! Ma la Howard è di un altro pianeta

  6. Abdul-Jabbar

    Ary…non è che hai scelto proprio la partita a bella posta? Perché tu sai vero contro chi giocano la prossima volta?
    Io non lo so se ci sarò anche se è molto probabile di sì. Usualmente sono in postazione dietro il canestro ma se si può conoscere e non fanno problemi mi potrei sedere in tribuna. Premetto che durante la partita sono al microfono. Ed inoltre dovrai darmi qualche ragguaglio per identificarti.

  7. Abdul-Jabbar

    Tanto per chiarire cosa aspetta le ragazze sotto Natale:
    11.12 vs. Sesto S. Giovanni (in cass)
    14.12 vs. Ekaterinburg (in casa)
    18.12 vs. Schio (in casa)
    Io firmerei per un 2 su 3 (ma non saprei decidere quale perdere)

  8. Ary

    Non preoccuparti Paolo . Io penso di esserci. È tra 2 settimane ?

  9. Abdul-Jabbar

    Eh sì appunto. Come ho scritto: il 14.

  10. Abdul-Jabbar

    No scusa. Allora sono 3 settimane.

  11. Abdul-Jabbar

    C’è una pausa di una settimana perché il primo dicembre si conclude il girone di andata con la trasferta proibitiva a Praga ma Quello che preoccupa di più è che nel girone di ritorno avremo solo tre partite in casa di cui 2 difficilissime contro Ekaterinburg e Praga. E poi contro Riga mentre tutte le altre saranno in trasferta e per racimolare punti bisognerà compiere delle imprese specialmente contro Mosca e Salamanca contro le quali in casa non siamo riusciti a vincere

  12. Abdul-Jabbar

    Ecco perché fin dall’inizio dicevo che al massimo si poteva ambire a contendere ad altre 3 squadre il 4to posto salvo passi falsi. Uno ne è già stato fatto perdendo in casa di 1 punto vs. Mosca. Quindi ora oltre a non poterne far altri, la classifica impone anche di ribaltare la differenza canestri contro Riga al Taliercio e quella contro Mosca in Russia (basta vincer di 2) e proteggere quella guadagnata ieri nella trasferta a Montpellier.
    Altrimenti al massimo ci si dovrà accontentare di ripartecipare all’Eurocup piazzandosi al 5to o 6to posto ma per tornare a giocare in Eurolega sarà indispensabile rivincere il Campionato.
    Ben differente è la situazione nell’altro Girone dove ci sono addirittura 5 squadre al secondo posto a pari merito con bilancio 3 vinte e 3 perse (tra cui Schio) dove l’equilibrio è maggiore e tutto è consentito.

  13. Ary

    Beh meglio così Paolo . Dovrei essere libero

  14. Abdul-Jabbar

    https://github.com/cov-lineages/pango-designation/issues/343

  15. Abdul-Jabbar

    In ragione di quanto ho riportato 2 giorni fa…Italia, Regno Unito e Israele bloccano voli dal Sudafrica
    https://www.affaritaliani.it/coronavirus/variante-covid-italia-regno-unito-israele-bloccano-voli-dal-sudafrica-768899.html

  16. Abdul-Jabbar

    Provvedimento tempestivo stavolta ripensando all’analogia con il concretizzarsi della minaccia nel caso Wuhan che però allo sresso tempo dlavrebbe dovuto far ricordare ai Governi come bloccando i Voli diretti non si scongiiri il rischio che qualche contagiato da quei Paesi giunga lo stesso in Italia attraverso uno scalo intermedio facilissmo da utilizzare e che non risulta presidiato/controllato relativamente alla Nazione di provenienza originaria. Fioi….tochemo ferro!

  17. Bill

    Tornando al basket: il “nostro” Echodas con la Nazionale ha giocato 16 minuti,8 punti,7 rimbalzi e un 21 di +/- non un crak ma neanche tutto questo disastro…

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login

  •