Intervista a coach Walter De Raffaele

06 Agosto 2022

Si sta per alzare il sipario sulla nuova stagione dell’Umana Reyer che giovedì 18 agosto si radunerà al Palasport Taliercio. In vista del nuovo inizio abbiamo realizzato la seguente intervista con coach Walter De Raffaele.

“Da parte mia c’è grande entusiasmo, desiderio e anche curiosità – le parole di coach De Raffaele – Si respira un’aria molto positiva e ho l’emozione di come quando si avvicina il primo giorno di scuola. Per me è un orgoglio condividere questa nuova fase del programma Reyer insieme a Federico Casarin e alla Proprietà che va ringraziata perché ha dimostrato la volontà di competere ai massimi livelli, e questa non è una cosa da dare per scontata o dovuta. Ritengo che il rilancio del proprio programma, in coincidenza dei 150 anni, sia un grande segnale da parte del Club e sono felice di farne parte con il desiderio che sia un ciclo che regali emozioni ai tifosi per molto tempo.

La parte determinante del lavoro sarà la costruzione del senso di squadra e di insieme, dentro e fuori da campo, ma già da ora percepisco grande entusiasmo e positività da parte del gruppo di lavoro. Per quanto riguarda il campo, è stata costruita una squadra molto equilibrata e profonda, con un atletismo più elevato. Una componente molto importante che è stata ricercata nei nuovi giocatori che sono arrivati riguarda la motivazione perché c’è il desiderio di competere al massimo possibile ed è necessario avere stimoli e obiettivi comuni, questo vale per il gruppo di italiani e di stranieri, giovani o già affermati, che hanno deciso di accettare il nostro programma. Sarà importante, come sempre, lavorare per trasformare tutti i giocatori in un gruppo unito per costruire una nuova identità di squadra con obiettivi comuni. Un saluto a tutti i tifosi, ci vediamo presto!”.

Umana SpaRB CareErreàMaserIl GazzettinoOrler TvACTVDesparQuid Hotel Venice MestreSixtus ItaliaMSC CrociereVilla CondlumerPM-InternationalIMPRESA PASQUAL ZEMIRO

44 Commenti in questo articolo

  1. Pick and Roll

    Grande Walter!!!! Sono sicuro che farai un bel lavoro e ci divertiremo molto quest’anno, Forza Reyer Venezia ❤️
    Roster Bomba !!!!! Stiamo tornando attenti a tutti !!!

  2. alexmax52

    L’intervista e’ stata tagliata alla fine, diceva cosi’: Un saluto particolare all’amico Ary.

  3. Ary

    Ahahah grande Alex! Posso dirti caro mio ? Ha detto le cose che volevo sentire : identità nuova , gruppo, motivazioni e descritto il roster per quello che è: profondo, qualitativo e ricco di atletismo. Bravo Walter! Mi aspetto tanto da te quest’anno . La squadra è di prim’ordine e può esprimere un livello di basket alto. Facci divertire coach! Ma ripeto : sento le corde giuste finalmente , sono sicuro che sarà una grande stagione !

  4. Ary

    Alex confermo comunque : è stato tagliato il saluto finale . Io non ho nulla vs il coach e spero faccia bene …. Ma sarà cosi

  5. Paolo Miro

    Felice di “farne parte” 😉

  6. ve66art

    Con questi giocatori il coach dovrà saper fare ciò che faceva Kleiber (il più grande direttore d’orchestra di tutti i tempi), ossia, lasciar suonare i fenomeni!! Ne sarà capace? Io credo di si!!!
    2 scudetti non si vincono per caso!

  7. Paolo Miro

    E poi esiste il “Non c’è 2 senza 3”!

  8. Julyan5

    E cos’altro doveva dire? “ricompare” dopo tre mesi di silenzio con le solite dichiarazioni di circostanza,mi sembra un “già letto” comunque a parte il mio “disincanto ” gli auguro un sincero buon lavoro,per il bene della squadra e della Società a cui vanno riconosciuti molti meriti,poi come sempre il campo dirà tutto…

  9. askluca

    Prime 5 gare perse 3 vinte 2. Ciaoneeeee

  10. ale70

    Forza coach sono convinto che saprai trovare l’alchimia giusta…come già detto certi livelli e vittorie non si raggiungono a caso….Diamogli tempo sarà una stagione divertente…forza REYER

  11. bepidelgiaxo

    Adesso vedremo quanti di quelli che chiacchierano qui dentro si faranno l’abbonamento, manca solo il pubblico,la squadra c’è.

  12. MarcoP

    Per quanto mi riguarda sarò in pole position il 10

  13. Ary

    Beh j5 non si è nascosto stavolta! Ha detto di avere una squadra completa e che il roster è di suo gradimento. E spero di aver capito che la nuova identità di cui parla Walter sia anche una sua nuova sfida

  14. Nanevianello

    L’intervista a Wdr lascia a mio parere il tempo che trova. Nel senso che è il minimo sindacale. Non vedo cosa avrebbe dovuto dire ” di meno “.Essendo un suo estimatore e avendo fatto modeste critiche, non quando le cose sono andate male, ma relativamente al gioco, con la squadra da allenare e da monitorare, niente di diverso avrebbe potuto dire. Unica concessione alla ” fisicità ” accresciuta del roster. Spero che alla prossima ci racconti come vuole giocare. Chi prenderà ( se mai risulterà possibile ) il ruolo di Stone . Se accanto a Watt, vedremo Sima o Parks o Tessitori. Se giocherà con tre lunghi contemporaneamente, due tra i quattro citati e Willis. Se accanto a Spissu vedremo Granger o l’Uomo Libero. Chi sarà investito del ruolo di Tonut. Insomma roba del genere. Ma ho l’impressione che di indicazioni Wdr non ne darà in anticipo e si affiderà al campo, magari con il consueto minutaggio nelle rotazioni. In ogni caso auguri, che possa onorare al meglio il centenario della Reyer .
    Auguri anche a Vitali. Che a mio parere ha sprecato una grande occasione. A Venezia avrebbe avuto la possibilità di lasciare il segno. Ha lasciato solo gossip. E visto che non è più un ragazzo, ripeto, ha sprecato una possibilità.

    Vedo che la mia proposta di un comitato ( protesta è eccessivo, ma di indicazione, piuttosto, e di sollecitazione ) è caduta nel vuoto .
    A parte Paolo Miro il silenzio più totale . Nessun problema. Ma a me pare che una questione che tocca non solo i cento utenti del blog , ma l’intera popolazione tifosa del paese, davanti ad una ” notizia” quale un comitato di cittadini che scrive alla Rai, al presidente del Consiglio e al Coni chiedendo spiegazioni alla tv di Stato e rivendicando parità di attenzione rispetto ad altre discipline sportive, potrebbe avere risalto. Anche sui vari media. Certo servirebbe impegnarsi. Non basterebbe sottoscrivere con il proprio nick. Certe cose si fanno con nome , cognome e indirizzo. Poi, una volta raccolte le firme, si va da un notaio, si certifica l’autenticità di quanto raccolto e si invia ai destinatari. Ci vuole pazienza, qualche soldino da spendere e molta determinazione. La Rai è di tutti, anche degli appassionati di basket. Altrimenti… Eleven con relativi disagi qui ampiamente descritti. Io avevo Rai ed Eurosport. Non sottoscriverò un abbonamento nuovo con le presumibili pecche qui già evidenziate. Ergo, non vedendo, a botta calda non commenterò come ero solito fare. E forse neanche dopo, relativamente al ” giocato “. Forse riuscirò a venire qualche volta al Taliercio o in campi lombardi quando approderà al Reyer. In ogni caso : buona fortuna per l’ascolto e la visione . E un saluto alla compagnia .

  15. Paolo Miro

    Saggio non precipitare con il pessimismo solo perché l’anno scorso Eleven non era all’altezza. Quest’anno sarà differente. Non è ammissibile per una piattaforma che ha preso l’esclusiva per un triennio di 6 diverse competizioni di alto livello non adeguarsi tecnologicamente e qualitativamente. Sono ottimista e sottoscriverò i mensili da settembre, così se dovessi venir smentito potrò disdire (cioè non rinnovare) in qualsiasi momento.
    Lo farò comunque in primis proprio perché le competizioni da poter vedere sono 6 e non solo la LBA, dato che ero stufo sinceramente di dover utilizzare 3 o 4 piattaforme per vedere tutto.
    Non che io ami i monopoli, ma per il basket era indispensabile.

  16. Julyan5

    Ciao Nane,provo a risponderti in merito alla tua proposta:credo 5 o 6 anni fa’ la Reyer su era fatta promotrice di una iniziativa chiamata “Più basket in Rai” che raggruppava tutte le 16 società dell’epoca,c’è stata anche una raccolta firme (alcune decine di migliaia) di tutti i tifosi di tutte le squadre,un gruppo Facebook e un sito oramai morto: http://www.piubasketinrai.it
    Brugnaro e’stato uno dei promotori più attivi,ecco i risultati ora sono sotto gli occhi di tutti…la tua proposta è degna di attenzione, ma è stata già “attuata” ed è andata a rimbalzare contro il muro di gomma della “clientelare ” RAI e il disinteresse della Lega,ora posso solo dire che tristezza! Un Saluto.

  17. Nanevianello

    Ciao Julyan. Non sapevo. Tuttavia : visto che allora non ha prodotto, allora non facciamo niente ?. Ci giriamo dall’altra parte ? Consentiamo che la Rai cancelli ( con la complicità della politica, che in Rai esprime anche le donne delle pulizie ) il basket ? Forse è giusto così, vista la poca attenzione per una pur modesta , forse discutibile proposta. Se la mia non va bene , ne attendo di migliori. Arriveranno ?L’idea che debbano essere sempre ” gli altri ” a dover ” fare ” mi ha sempre stremato . Io sono per ” provare “. Certamente non posso farlo da solo. Con l’appoggio del solo Paolo Miro o di Julyan 5. Saluti

  18. Nanevianello

    Ve : ma Toscanini e Von Karajan ? Mai visto il primo dal vivo. Ma il secondo l’ho visto. Ma non ho mai visto il tuo ” migliore “. Confermi ? Ciao

  19. Paolo Miro

    Riprendi il “filone” Eleven solo per aggiungere che io trovo invece triste piuttosto il fatto conclamato che sua divenuto (già da prima della comparsa del Covid) più importante che la piattaforma esclusivista di turno si veda bene e costi meno possibile anziché pensare se si andrà in trasferta a seguire la squadra e dove, che non moltissimi anni fa era normale e molto ambìto. Almeno per me.
    Io mi rifaccio con i servizi come corrispondente ma il lavoro è una cosa ed il tifo in esterna un’altra.

  20. Paolo Miro

    Infatti la trasferta per Gara 6 finale scudetto a Trento (per citare quella più recente di questo tipo e la più emozionante ed importante) non solo non la dimenticherò mai, ma è stata per me irrinunciabile e non ci sarebbe stata Emittente valida a sostituirla.

  21. Julyan5

    Si Paolo,in linea di massima si,però devi considerare che seguire la squadra in trasferta è un impegno per chi,non più giovane, ha famiglia e che i costi sono di gran lunga più elevati rispetto a un paio di decenni fa’,personalmente mi “concedo” una piccola vacanza ogni anno e seguo la squadra in trasferta in EC,però sono costi,ma sai cosa è veramente triste:chi,potendo e abitando a Mestre e dintorni,Venezia compresa,oramai da anni segue la squadra dal divano di casa…questo si è triste…

  22. Paolo Miro

    Ed io questo intendevo.
    Se poi ci aggiungiamo che tra queste persone se ne possono annoverare di giovani e senza legami famigliari allora….
    Però dai un paio di trasferte magari entro un raggio relativamente limitato non sono impossibili e vedere sempre la Reyer senza sostenimento in trasferta è malinconico.
    Il fatto è che anni fa non c’era una copertura così esasperata e completa delle partite e quindi si faceva di necessità virtù. La stessa Gara 6 a Trento era visibile comunque dal divano e stiamo parlando solo di 5 anni fa, ma vuoi mettere?

  23. Paolo Miro

    Poi l’avvento della tecnologia esasperata ha fatto sì che tra poco si potrà sapere se tal giocatore di è fatto la ceretta o no oppure se porta i boxers o gli slips e perciò i video divengono insostituibili al punto per alcuni da venir preferiti all’adrenalina della competizione dal vivo (a me per fortuna non accade).
    Io poi ho vissuto sulla mia pelle le radiocronache al posto delle TELEcronache e ti posso assicurare che non c’è confronto a descrivere in diretta a chi ti segue quello che sta accadendo perché non può vedere invece che con le dirette TV in cui il commentatore spesso divaga parlando di tutto fuorché di quanto sta succedendo. Però se sai che pur rimanendo a casa e al limite fregandosene del commento (spegnendo al limite l’audio) ti puoi risparmiare soldi, tempo e stress la tentazione di restare a casa diviene fortissima.
    Per superarla può non bastare nemmeno la passione. Io ero fortunato perché spesso mia moglie veniva con me in trasferta condividendo tempo ed emozioni a volte pur di rimanermi accanto (!!)

  24. Nanevianello

    Scusami Paolo, ma cosa c’entra ?. Qui non stiamo parlando di come il mondo sia cambiato. Una volta potevi intervistare i giocatori quando e come volevi, per dire. Io ho intervistato i Bettega, i Furino, gli Herrera Helenio, i Calloni( lo sciagurato Egidio ) senza dover chiedere alle società. Qui si parla di un servizio pubblico che dopo aver abbandonato il calcio e la formula uno, ha abbandonato anche il basket. La colpa è POLITICA. Poi ti concedo tutto. Ma dimmi tu , io abito a Milano, ho 77 anni ( qualche acciacco ) come faccio a venire ogni settimana a Venezia a vedere la Reyer ? Mi serve la tv. Ma mi serve una emittente affidabile. Tu auspichi ( anzi sei sicuro ) che Eleven migliorerà . Ma cosa ne sai ? Non puoi avere certezze. Puoi disdire se non sei soddisfatto ? E cosa risolvi ? Niente. La Rai ha il dovere di assicurare eventi di natura popolare. Spende maree di quattrini per programmi infami che sovente vengono tagliati dopo una puntata per mancanza di share. Ha un personale sterminato. Quattro volte quello di Mediaset, cinque volte quello di Sky. Deve spendere meglio. E chiedere che lo faccia per il basket, per noi viziosi del parquet è un dovere. Io la penso così. Poi se non potrò più vedere il basket pace. Ci sono cose peggiori nella vita. Ma scusami tu parti da una piattaforma diversa e privilegiata. Lo fai per lavoro. Pensa a quanti (e non sono giovani ) vorrebbero fruire il basket solo per la propria passione. Ma la verità è che nessuno ha voglia di muovere il culo. Meglio lo facciano altri. Poi vediamo come va… Sono polemico ? Lo sono. E credo di non dovere spiegare il perchè. Prosit. Nel senso letterale del termine . Brindando ai migliori direttori d’orchestra .

  25. Paolo Miro

    Per carità…. Io nell’intervento delle 19:57 se noti ero però andato fuori tema e non perseguivo l’intento di collegarmi o proseguire quello iniziato da te, bensì aggiungere qualcosa sotto un differente punto di vista a quanto asserito da Julyan5 nel finale del suo intervento in risposta a te spostando l’attenzione su di un altro aspetto che mi è venuto in mente e che ritengo importante alla luce delle carenze di programmazione della RAI. A prescindere che si abbiano o no le possibilità fisiche od economiche di metterle in atto (che non era l’oggetto della disquisizione).
    Non ho nulla in contrario al tuo pensiero. Mi ero solo permesso di divagare capendo…”l’aria che tira” 😉

  26. opossum

    ….e te credo che ringrazia tutti….e di cuore!!! Nessuno al mondo lo avrebbe riconfermato dopo 2 anni sbagliati in tutto!!! …e non solo, la società gli mette sotto il c… non una Ferrari ma una Maserati…….!!!! X me si gioca il futuro, ma la scusa di dire che Milano e Bologna sono più forti vale sempre….dai che quest anno centriamo le final 8…..

  27. Paolo Miro

    Allora visti i paragoni Se mi permetti la squadra dell’anno scorso secondo il mio punto di vista era una Dyane.
    Perché (a parte forse Vitali e Brooks, di cui il secondo ha reso per quanto sa fare solo nella seconda metà di stagione inoltrata), gli altri acquisti sono stati TUTTI dei rattoppi e, inversamente a quest’anno non è andato in porto nessun obiettivo di quelli tentati, con il risultato che si è provato a raddrizzare la barca in corsa facendo ancora peggio e non ottenendo mai il raggiungimento di squadra. Altro che terza forza!!!

  28. Paolo Miro

    Con ciò, secondo me hanno fatto di più di quello che era il loro potenziale ed io dissi che non erano da zone basse, ma che nemmeno sarebbero andati oltre i Quarti di Finale.
    2 scommesse vinte. Di cui però non ho riscosso nulla.

  29. Ary

    Paolo su questo non sono assolutamente d’accordo. I nomi c’erano , amalgama e gioco mai visti. Ma non possiamo scrivere che eravamo al livello di Napoli , Reggio Emilia o Trento. Per piacere ! È andato tutto male , dalle scelte a tutto il resto. E anche il coach ha toppato alla grande. Annata da dimenticare, giusto azzerare il tutto e ripartire con un gruppo nuovo .

  30. mau60

    Sarebbe stato giusto tutto nuovo!!!!

  31. mau60

    Ed essendo una campagna acquisti di primo livello ho il dubbio che se li sia scelti WDR viste le coperture sui ruoli. Le idee di Wdr avrebbero forse fatto scelte diverse

  32. Paolo Miro

    Non importa. Ora vediamo cosa combina.
    Ed invece Ary per me erano alla pari con Reggio (e non solo). Meglio delle altre 2 che hai nominato. Per quello sostengo che siano andati al di là delle possibilità. Quelle reali ovvio.
    Non quelle sulla carta.

  33. Paolo Miro

    Oh naturalmente al netto di Theodore chiaro.

  34. Paolo Miro

    Terza cosa (non per questo meno importante):
    integrazione (amalgama) nuovi vs. vecchi fallita. Uguale -> resa team negativa.

  35. Paolo Miro

    E sia ben chiaro che, aldilà della bontà del Roster di quest’anno, l’ultimo punto è sempre importante. Forse ancora di più. Perché può voler dire il salto di qualità da ottimo ad eccellente. E di conseguo…. 😉

  36. Ary

    Paolo siamo seri: forse solo cinciarini poteva giocare con la reyer! Gente come Brooks, Theodore, Bramos, Watt, Stone , lo stesso Vitali , denik , Cerella, Daye….
    Poi la chimica di squadra non c’era , troppi infortuni, l’accanimento di wdr su certe scelte e non scelte e probabilmente divisioni interne hanno di fatto abbassato il livello. Ma non diciamo che hanno fatto miracoli per cortesia! La delusione della stagione scorsa senza dubbi è stata Venezia!

  37. Ary

    E Tonut …. Dai per carità non diciamo eresie ! meglio cambiare pagina e non pensare alla più brutta annata dalla risalita in A1. Squadra senza identità e soprattutto senza nessuna traccia di gioco

  38. Paolo Miro

    Ary…non ho parlato di miracoli.
    Hanno ottenuto quello che, per come si è delineato il Roster, era nelle possibilità reali. Sottolineo Reali.

  39. Paolo Miro

    Ed i nomi, pur apparentemente altisonanti, non vogliono dir nulla.
    È il rendimento effettivo dei giocatori che li portavano quei nomi che ha decretato il vero potenziale della squadra. Che già in estate non mi piaceva per niente. E non ne ho fatto mistero. 2 nomi nuovi non all’altezza e 2 vecchi che non dovevano venir riconfermati. Poi siccome non ci si è riusciti si è provveduto a tappare i buchi alla meglio fallendo purtroppo gli acquisti che erano nel mirino.
    Come vedi ci vuole poco ad andare a donne di bassi costumi.

  40. Ary

    Sicuramente Phillip è stato un ripiego ma prenderlo per farlo giocare play è stato un errore . Ma in ogni caso anche con Theodore non si è visto gioco. Daye aveva (ha) gravi problemi fisici e lui spesso e volentieri nascondeva i problemi offensivi con giocate da campione. Quello che voglio dire è che in un campionato oggettivamente scarso come quello italiano la reyer ha faticato troppo e fatto alcune figuracce molto tristi. E le colpe sono da dividere tra allenatore, dirigenza e giocatori. E credo che la quasi totalità dei tifosi voglia come me cambiare pagina velocemente

  41. Ary

    Paolo quest’anno sono arrivati personaggi affermati e di grande esperienza. Lo scorso anno qualcuno portava esperienza , altri andavano lanciati. Non avevo mai parlato di scudetti ma di un 3-4 posto si.

  42. Cimbro

    Si hanno notizie di Daye? ha trovato squadra? I suoi malanni sembravano seri.

  43. Ary

    No cimbro. Il suo è un infortunio molto serio e non è detto che tornerà a giocare.
    Intanto la volontà del giocatore è quella di recuperare e poi eventualmente troverà squadra

  44. Cimbro

    Mi dispiace era un ballerino in campo eleganza pura.

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login