Limonta Costa Masnaga – Umana Reyer Venezia 55 – 69

05 Dicembre 2021

Parziali: 12-17; 35-33; 50-54;

Limonta Costa Masnaga: Toffali, Spreafico 13, Villa E. 10, Villa M. 18, Osazuwa n.e., Caloro 2, Balossi n.e., Jablonowski 2, Allievi 2, Vaughn 8, Jackson, Labanca, (All.Paolo Seletti)

Umana Reyer Venezia: Bestagno 4, Carangelo 3, Thornton 8, Pan n.e., Anderson 20, Madera 12, Smorto, Attura 4, Penna 4, Ndour 14 (All.: Andrea Mazzon)

Totali di squadra:
Limonta Costa Masnaga: tiri da 2 20/46, tiri da 3 0/12, t.l. 15/20, rimb. dif. 26, rimb. off. 9, p.p. 17, p.r. 8, assist 8
Umana Reyer Venezia: tiri da 2 21/45, tiri da 3 5/20, t.l. 12/16, rimb. dif. 33, rimb. off. 14, p.p. 15, p.r. 8, assist 16

L’Umana Reyer esce sorridente dall’insidioso Palazzetto di Via Verdi dopo aver superato le padrone di casa al termine di un match vibrante nel quale le veneziane hanno dovuto attendere gli ultimi 10′ per piazzare la “zampata” vincente.
Le rotazioni operate da coach Mazzon lasciano in tribuna “Gigi” Petronite ed è pertanto Ndour a far parte del quintetto iniziale che vede oltre a lei, Bestagno, Carangelo, Thornton e Anderson confrontarsi alla palla a due con Matilde Villa, Spreafico, Jablonowski, Vaughn e Allievi.
Serie di tentativi a vuoto su entrambi i fronti e punteggio che si muove con Anderson solo dopo tre minuti. Il “gioiellino” Villa è fortunata a metà a cronometro fermo e Anderson concede il bis siglando il +3. Ndour da sotto misura costringe Costa Masnaga alla rincorsa e ancora una volta Anderson, per lei già 6 punti, a siglare l’1 a 8. Numero di Villa che realizza anche un tiro libero aggiuntivo per il fallo subito. Mazzon cambia regista inserendo Attura mentre Anderson continua il suo show personale. Due liberi proprio di Attura valgono il 4 a 12. A Spreafico risponde con un plastico terzo tempo Elisa Penna ed è sempre la numero 3 rossonera a mantenere in linea di galleggiamento le compagne. Madera tenta l’allungo con un’azione da tre punti e questa volta è la sorella Villa meno famosa a tagliare la difesa orogranata depositando nella retina. L’antisportivo fischiato a Penna consente a Spreafico di rimettere Costa Masnaga in scia chiudendo la prima frazione sul 12 a 17.
Eleonora Villa riapre i giochi in avvio del secondo quarto, quindi, in successione, Attura e Matilde Villa per il 16 a 19. L’1/2 di Madera fa raggiungere quota 20 alle veneziane che sguainano la sciabola di fronte all’agonismo delle avversarie. L’arresto e tiro di Laura Spreafico riporta a un solo punto le padrone di casa (19-20 a -7,42) costringendo il tecnico mestrino a reinserire la lunga di origini senegalesi. Il sorpasso è nell’aria e Matilde Villa lo concretizza fallendo poi il libero aggiuntivo. A Eleonora Villa replica Ndour interrompendo il parziale messo a segno dalle lombarde. La diciassettenne Villa fa sfoggio di tutto il suo repertorio fatto anche di assist per le compagne spingendole sul 27 a 22. Yvonne Anderson è precisa ai liberi ma, proprio dalla linea della carità, Costa Masnaga costruisce un minibreak sfruttando anche il tecnico sancito a coach Mazzon. Thornton si iscrive a referto due volte per il 29 a 28 a due giri di lancette dall’intervallo lungo. Vaughn si sblocca a sua volta prima della tripla di Carangelo e dell’incursione di Spreafico. Anderson e Vaughn accompagnano le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 35 a 33.
Inizio concitato nella terza frazione con palle perse e tentativi falliti dalle due squadre che abbassano ulteriormente le loro percentuali. Ndour dai 6,75 ristabilisce un minimo vantaggio per l’Umana subito rintuzzato da Allievi. Anderson è inarrestabile in fase offensiva e altrettanto produttiva è Spreafico. Il punteggio si impenna con Bestagno e Vaughn, quindi Ndour da oltre l’arco e Bestagno a siglare il 41 a 45 di metà periodo. La mano di Matilde Villa è “calda” ai personali, decisamente meno quella di Attura. Gioco da tre punti di Matilde Villa che si ripete nell’azione successiva e quindi serve un pallone d’oro a Vaughn. Il parziale di 6 a 0 a favore di Costa Masnaga vale il 50 a 45 e il time out invocato dalla panchina veneziana. L’appoggio al tabellone di Anderson e il viaggio in lunetta di Thornton riavvicinano l’Umana a una sola incollatura. Madera dai 6,75 e Ndour operano uno strappo spingendo l’Umana sul 50 a 54 dell’ultimo buzzer parziale.
Iniziano convinte le orogranata con Ndour – a bersaglio su assist di Smorto – e Sara Madera che colpisce dalla lunga distanza (50 a 59 a -9,01). Eleonora Villa fa esultare gli spalti mentre sotto i cristalli si assiste a una vera e propria battaglia tra le due “torri” Ndour e Vaughn. Madera serve bene Thornton che non può fallire. Tecnico anche per coach Seletti e vantaggio in doppia cifra siglato da Madera, ben servita da Penna (52-63 a -6,40). Si accendono gli animi sul parquet e Thornton e Spreafico non si scambiano cortesie. Costa Masnaga sembra disunirsi ma la Reyer fatica a trovare il colpo del K.O. Jablonowski mette a segno due liberi, quindi rimedia una stoppata “siderale” da Ndour, che chiuderà la sua gara con una doppia doppia. Il cronometro si arresta in continuazione con entrambe le formazioni in bonus. Yvonne Anderson mantiene le distanze ed Elisa Penna affossa definitivamente le speranze delle costamasnaghesi. Esce in barella Matilde Villa, probabilmente a causa di crampi e la Reyer gestisce la manciata di secondi rimasti prima della sirena conclusiva.
In attesa del risultato della Virtus Segafredo Bologna, impegnata domani contro Sesto S. Giovanni, la classifica rimane immutata in virtù della vittoria di Schio a Campobasso. Per le lagunari, rientro in serata a Mestre e successiva partenza martedì alla volta dell’Ungheria per il confronto di Euroleague con le magiare dello KSC Szekszard.
(s.v.)

Umana SpaErreàMaserIl GazzettinoOrler TvACTVDesparQuid Hotel Venice MestreSixtus ItaliaMSC CrociereVilla CondlumerPM-InternationalIMPRESA PASQUAL ZEMIROIntesa San Paolo Rbm Salute

11 Commenti in questo articolo

  1. Dado

    Scadenti, come quasi sempre quest’anno.

    5 considerazioni:

    1) Italiane Reyer vs Italiane Costa Masnaga: 27-45 (perso di brutto), e 27 grazie ai 12 di Madera.. il che conferma il perdurare del LETARGO delle 5 Nazionali dello scorso anno.. a prescindere da qualche buon passaggio di Penna.

    2) Senza Anderson non abbiamo regia, e senza di lei la perdevamo pure ai punti.

    3) Ndour-Fall.. che sotto di 3 a fine primo tempo, tenta di rimontare a triple.., per carità mettendone pure 2.. ma confermando la sua pochezza e assenza di alternative nel pitturato, pure contro la squadra di millenials italiane.

    4) Tre quarti li abbiamo giocati a livello di Costa, terzultima del campionato italiano… siamo riusciti a tirare fuori un’energia superiore, e soprattutto in difesa, solo in un quarto.. altro che Eurolega..

    5) 69 miseri punti segnati.. Lo scorso anno contro Costa, analogo roster di quest’anno, finì 98-60 per noi.. con 52-32 per le nostre italiane (con soli 2 di Pan).. Bestagno 17, Attura 12, Penna 10, Carangelo 9, etc..

    Fate voi.. Siamo una squadra che si appoggia disperatamente sulle tre-quattro straniere.. e che se neutralizzate quelle (basterebbe anche solo Anderson), abbiamo il nulla cosmico. Questa è l’istantanea del momento.

    Non apprezzo ancora il cambio di panchina.. se non per il fatto che il divario tra l’apporto delle straniere e quello delle italiane si è ulteriormente inasprito a svantaggio delle italiane.

    Dispiace per l’infortunio di Matilde Villa, che spero sia roba da poco.

  2. etttssso

    Dado, analisi tua? ……. perfetta,

  3. Dado

    Etttssso.. si ma… deludente..

  4. Ary

    Dado hai già detto tutto… Condivido ogni virgola … Purtroppo…. Spero che Matilde non si sia fatta nulla. Spero di vederla a Venezia prox anno

  5. Ary

    Serve freschezza, atleticita’ , entusiasmo…

  6. Speravo, guardando le ragazze, di riprendermi dalla depressione sportiva che mi è venuta dopo la partita on Brescia. Purtroppo, malgrado la vittoria, una tristezza… Dado hai ragione al 100 x 100.

  7. ale70

    Ha ragione Dado…veramente scadenti…altro che Eurolega!!!!

  8. Abdul-Jabbar

    Per assestare lamazzata definitiva al 95% alle chances dell’Eurolega è sufficiente perdere in Ungheria. Ma spero e son convinto che non accadrà. Forza fie!!!

  9. Abdul-Jabbar

    Quanto ai Maschi (e lo scrivo volutamente qui in questo Post) è più difficile uscire che rimaner in corsa a causa della scellerata formula dell’Eurocup (alla cui versione femminile – gestita per fortuna dalla FIBA – andranno probabilmente a partecipare le ragazze forse con maggior chances di avanzare).
    Certo che L’ECA ce ne ha messo di impegno per rovinare l’unica competizione decente che restava (a lei): ideando (termine improprio e generoso) la copia carbone della Eurolega in versione minore ha di fatto annullato tutto il pathos, l’aspetto meritocratico e l’equilibrio della Coppa alla quale prima del Covid eravamo giunti tra le prime 8!
    Ora dopo lo scempio dell’anno scorso, non paghi, hanno partorito questa formula assurda dove si può, alla stregua del comportamento nel nostro campionato, giochicchiare nella R.S. perdendo anche più di una partita senza onta e senza onore, per approdare magari in uno stato di forma brillante quando serve in cui vincendo gli scontri diretti si può benissimo approdare alla Finale.
    Scontri diretti mica magari con A/R! Eh no. Scherziamo. Gara seccam che è meglio.
    Quindi non mi preoccuperei troppo.
    Al limite l’avversaria sarà un po’ più temibile.

  10. Abdul-Jabbar

    Sto guardando Moscow vs. Salamanca (1mo Quarto 12 a 19) partita importante per la Reyer dato che le Russe non devono assolutamente vincere. Così come Montpelliet a Praga. Altrimenti l’eventuale nostra vittoria in Ungheria verrebbe vanificata e le speranze si ridurrebbero al lumicino.

  11. Abdul-Jabbar

    @ Dado: le Cheerleaders Russe sono uno spettacolo nello spettacolo. Per gli occhi e non solo. E fanno loro anche dei bei primi piani!

Scrivi un commento

Per poter inviare un commento devi essere registrato.
Inserisci username e password oppure Registrati ora

  • Login